Crea sito

Mese: Gennaio 2018

Il patto

Il patto - Jodi Picoult

Due famiglie perfette, amiche da sempre messe davanti a una tragedia che le porterà ad allontanarsi e quasi ad odiarsi. Ma ciò che è successo quella notte rimane un mistero per tutti, tranne che per Chris ed Emily. L'unica cosa certa è che per le famiglie Harte e Gold, svegliate nel cuore della notte dalla polizia, la vita non potrà mai più essere la stessa. Emily è stata trovata morta, colpita da un colpo di pistola alla tempia sui sedili di una giostra nel parcogiochi della città e stranamente Chris è stato ritrovato senza sensi accanto a lei.

Per il detective tutto è chiaro fin da subito: il colpevole non può che essere Chris che viene subito arrestato, ma lui continua a professarsi innocente. Lui amava troppo Emily per pensare di poterle fare una cosa simile, e anche se i mesi passano e la sua vita nel carcere diventa infernale, la sua tesi non cambia, non è stato lui ad ucciderla.

Ma allora come sono andati i fatti? E' coinvolta una terza persona o qualcuno sta nascondendo un segreto inenarrabile?

Estratto:

“Era stato Michael a decidere di seguire il rituale ebraico della seduta di shiva dopo la sepoltura. Poiché Melanie si era rifiutata di avere a che fare con l’organizzazione dell’evento, Michael aveva dovuto occuparsi di ordinare i bagel, il salmone affumicato, le insalate, il caffè e i biscotti. Qualche vicino – non Gus – aveva disposto i cibi sul tavolo da pranzo quando erano tornati dal cimitero. Melanie andò direttamente di sopra con il suo flacone di Valium. Michael rimase seduto sul divano del salotto, a ricevere le condoglianze del suo dentista, di un collega veterinario, di alcuni clienti. Degli amici di Emily. Si avvicinarono in branco, una massa amorfa e rigonfia da cui aveva l’impressione che da un momento all’altro potesse sbucare sua figlia. «Signor Gold» gli disse una ragazza, con uno sguardo triste negli occhi azzurri slavati – Heather o Heidi, pensò Michael. «Non riusciamo a capire come possa essere successo.» Gli sfiorò la mano, con il suo palmo morbido e bianco come il latte. La sua mano aveva le stesse dimensioni di quella di Emily.”

Commento:

Partendo dal presupposto che considero i libri di questa autrice delle opere letterarie: un misto tra bellezza della storia, affascinante e originale, abbinata al suo modo elegante e semplice di descrivere i fatti accaduti e di trasmetterti passione ed empatia per i personaggi e per le loro storia. Credo che, dopo la lettura del suo secondo libro, io possa definirla ormai una delle mie autrici preferite, cosa che mi darà il via ad acquistare ogni suo libro!

Questa storia poi è caratterizzata da un particolare molto piacevole: il racconto infatti è spezzato dal racconto del processo di Chris nel presente e dal racconto delle due famiglie nel passato, di come si sono conosciute e di come i due ragazzi fossero cresciuti insieme, fino a stare insieme come entrambe le famiglie volevano.

Un compito difficile nella piena adolescenza dover esaudire appieno tutte le aspettative della tua famiglia: andare bene a scuola, essere bravo in uno sport, essere i più ammiratidi tutti e soprattutto stare con il bravo ragazzo della porta accanto che i tuoi genitori hanno sempre sognato per te. Questo comunque è un libro che ti prende fin da subito, ve lo posso garantire. Farete fatica a chiuderlo per fare altro, infatti è il primo libro che consiglio a tutte quelle persone che ancora non hanno trovato la storia giusta che li appassioni alla lettura.

Super-mega-stra consigliato a tutti: giovani e adulti!

Buona lettura a tutte/i voi!

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte – Mark Haddon

Christopher Boone ha 15 anni, vive con il padre a Swidon, in un piccolo paesino a pochi passi da Londra, dopo che sua madre è morta a causa di un infarto in ospedale. Soffre della sindrome di Asperger, una forma di autismo.

E' molto intelligente, ha una memoria mozzafiato, gli piaciono molto la matematica e la fisica perchè sono materie scientifiche, conosce i numeri primi fino a 7507, ama il rosso e odia il giallo e il marrone.

Un sera trova il cane della vicina Wellington morto infilzato da un forcone e Christopher decide di mettersi ad indagare come avrebbe fatto il suo mito dei libri Sherlock Holmes e di scrivere un libro a riguardo. Ma durante le sue indagini scopre delle vecchie lettere nella camera di suo padre indirizzate a lui.

Sono state scritte da sua madre e la data è successiva al giorno della sua morte. Scopre così che sua madre è viva e vive a Londra con il marito della vicina. Quella scoperta fa si che suo padre confessi a Christopher che è stato lui ad uccidere Wellington. Chris, confuso e spaventato, decide di scappare e andare da sua madre a Londra.

Estratto:

“In fondo all'armadio c'era una grossa scatola di plastica colma di attrezzi per il Fai Da Te, un trapano e un pennello e dei cacciaviti e un martello, ma riuscivo a vederli senza dover aprire la scatola perchè era di plastica grigia trasparente. Poi mi accorsi che c'era un'altra scatola sotto quella degli attrezzi, così la sollevai ed estrassi questa seconda dall'armadio. Era una vecchia scatola di cartone una di quelle che ti davano una volta quando compravi una camicia. Quando la aprii vidi che dentro c'era il mio libro. Non sapevo cosa fare. Ero felice perchè mio padre non aveva buttato via il mio libro.”

Commento:

Sono molto affascinata dal comportamento dei ragazzi affetti da Asperger. Sono molto intelligenti ed utilizzano quella parte del cervello che li rende totalmente razionali.

Adoro quindi questi libri che parlano di loro, perchè passo dopo passo, è come se mi facessero entrare un po' nel loro mondo, capendo il perchè di determinati comportamenti. La storia dietro al libro ovviamente è stata creata per nascondere quello che l'autore voleva che noi conoscessimo: Christopher. Voleva presentarci il suo mondo, che agli occhi comuni può sembrare esattamente uguale al nostro, in realtà il suo mondo è completamente diverso.

Lui vede tutto sotto una luce diversa: è incapace di dire le bugie e di capire le bugie, e le metafore per lui sono cose non traducibili, per lui le parole delle persone sono letterali.

Il fatto che questo piccolo adolescente si prenda coraggio e affronti un viaggio da solo per raggiungere sua madre su mezzi e andando in posti che non conosce e super affollati, cosa che lo rende molto nervoso e fa si che il suo cervello si blocchi e abbia bisogno di un riavvio, questa è la vera storia!

Superare i propri limiti sempre, affrontare le proprie paure. Credo che siano questi gli insegnamenti che voleva portare ai nostri occhi questo libro e nel mio caso credo ci sia riuscito! Leggetelo e soprattutto fatelo leggere ai vostri figli adolescenti, potrebbe essere un ottimo insegnamento anche per loro.

Buona lettura a tutte/i voi!

Harry Potter e la camera dei segreti

Harry Potter e la camera dei segreti – J.K. Rowling

Una notte d'estate, dopo aver creduto che i suoi amici volutamente non gli avessero scritto nemmeno una lettera Harry riceve la visita di uno strano elfo di nome Dobby che lo avverte che non dovrà tornare ad Hogwarts perchè la sua vita sarà in pericolo.

Dobby farà tutto ciò che è in suo possesso per impedirglielo. Tipo bloccare il muro che lo porterà alla stazione 9 ¾. Harry e Ron sono costretti a raggiungiere Hogwarts con la macchina volante del padre di Ron.

Ma a scuola succedono delle cose strane: una voce strana tiene all'erta Harry, una voce che arriva dalle pareti e parla di sangue e vendetta. Ogni volta che Harry sente questa voce viene ritrovato uno studente o la gatta del custode Gazza immobilizzati, ma ancora vivi.

Ma una notte uno strano messaggio viene lasciato su una parete di un corridoio e si scopre che la Camera dei Segreti è stata aperta. Solo una persona sa dove si trovi questa Camera dei Segreti e come aprirla: il prescelto; e l'ultima volta che la Camera è stata aperta una studentessa è morta: Priscilla Macontenta.

Ma ormai è tardi, Hermione è stata pietrificata dal mostro che si scopre essere un basilisco e Ginny è stata rapita ed Harry e Ron la devono salvare prima che sia troppo tardi. Ma chi è il prescelto?

Estratto:

“Harry tese l’orecchio. In lontananza, dal piano di sopra, udì la voce, sempre più debole: «...Sento odore di sangue...SENTO ODORE DI SANGUE!». Gli venne un crampo allo stomaco. « Sta per ammazzare qualcuno! » gridò, e ignorando le facce stupefatte di Ron e di Hermione salì a tre alla volta i gradini dell’ultima rampa di scale, cercando di ascoltare al di sopra del rumore dei suoi passi. Sempre correndo a perdifiato, superò il secondo piano, seguito a stento da Ron e Hermione, e non si fermò fino a che non ebbe girato un angolo, trovandosi davanti all’ultimo corridoio deserto. «Harry, che diavolo è successo?» chiese Ron asciugandosi il sudore dalla faccia. «Io non ho sentito niente...». Ma d’un tratto Hermione ebbe un soprassalto e indicò l’estremità del corridoio. «Guardate!». Sulla parete davanti a loro luccicava qualcosa. Si avvicinarono lentamente, scrutando le tenebre. Sulla parete tra le due finestre, era stata dipinta una scritta a lettere cubitali e luccicava alla luce delle torce.

LA CAMERA DEI SEGRETI È STATA APERTA

TEMETE, NEMICI DELL’EREDE”

Commento:

E come il primo capitolo di questa saga, questo secondo volume ci lascia proprio a bocca aperta. Ricco di colpi di scena che avvengono durante tutto il corso del libro, J.K.Rowling è capace di tenere i nostri occhi puntati sulla prossima frase da leggere senza che la nostra curiosità ne risenta.

Trovo azzeccatissimi anche i momenti dei colpi di scena: ne troviamo uno sempre al momento giusto che ci porta sempre più vicini alla verità ma mai alla soluzione esatta. I personaggi poi ormai li abbiamo nel cuore.

Che abbiamo deciso di leggere i libri e poi vedere i film o viceversa, ormai ognuno di noi si è impersonato in qualcuno dei personaggi che vengano descritti. A me personalmente piacerebbe tanto essere la McGranit: una donna dal carattere forte, autoritaria al punto giusto, intelligente e inflessibile, ma anche tanto giusta e con un cuore che si sa sciogliere al momento giusto.

Non ci resta che attendere la lettura del terzo capitolo per vedere quale avventura vivranno i nostri amici.

Buona lettura a tutte/i voi!

Siddhartha

Siddhartha - Hermann Hesse

Siddhartha è un giovane ragazzo indiano che, per cercare se stesso, intraprende un cammino inisieme al suo caro amico Govinda. Lo scopo dei due giovani è quello di potersi unire al gruppo dei “Samana” e imparare a vivere senza oggetti materiali, così come siamo stati creati.

Ma quella vita non è quella giusta per i due ragazzi, che decidono di partire di nuovo e di andare al cospetto del Buddha Gotama.

Govinda trova la sua strada in quel luogo e decide di fermarsi lì per poter vivere e imparare dal Buddha. Per Siddhartha invece non è ancora abbastanza. Riparte alla volta di una nuova città: lì diventa un mercante per poter guadagnare e vivere e incontra Kamala, giovane prostituta alla quale Siddhartha si lega per anni.

Capito l'errore commesso, cioè quello di aver fatto prevalere l'istinto, Siddhartha decide di scappare e lasciare Kamala, non sapendo che lei è incinta. Dopo aver tentato il suicidio un vecchio pescatore aiuta Siddhartha a capire l'essenza dell'acqua e quest'ultimo capisce che la sua vita sarà quella.

Ma le sue avventure non finiscono qui, e dopo anni passati nella calma e nella tranquillità del luogo qualcosa tornerà nella vita di Siddhartha a sconvolgerla.

Cosa, noi, possiamo capire da tutta questa storia?

Estratto:

“«Una cosa, o Venerabilissimo, ho ammirato sopra ogni altra nella tua dottrina. Tutto in essa è perfettamente chiaro e dimostrato; come una perfetta catena, mai e in nessun luogo interrotta, tu mostri il mondo: è un'eterna catena, contesta di cause e di effetti. Mai ciò è stato visto con tanta chiarezza, né esposto in moo più irrefutabile; certamente più vivo deve battere il cuore in petto in ogni brahmano quand'egli, attraverso la tua dottrina, vede il mondo come una perfetta concatenazione, senza soluzioni di continuità, limpido come un cristallo, non dipendente dal caso, non dipendente dagli dèi.»”

Commento:

Come potete ben notare dallo scorcio che ho riportato qui sopra, si può dire tutto sopra a questo libro, ma non che la sua scrittura sia di facile comprendonio e che sia una lettura scorrevole. Tuttavia devo dire che questo libro mi ha aperto molto la mente.

La sua capacità di far riflettere sui gesti umani è sorprendente. Letto questo, la mia curiosità sul mondo del buddhismo ha voluto prendere piede, fino al punto di seguirla come mia principale fonte di ispirazione e e come fosse uno stile di vita.

Siddhartha mi ha insegnato che, se aspiri alla perfezione, allora non dovrai essere per sempre corretto, buono e ligio alle regole. Al contrario dovrai provare ad essere scorretto, perfido e dovrai provare l'ebrezza del trasgredire al giusto; solo così potrai apprezzare quella che è la retta via che hai scelto per te e che infine seguirai.

Bisogna essere a conoscenza del male che si nasconde dietro ad ogni persona, solo allora potrai davvero dire di aver intrapreso la giusta via.

Per quanto riguarda Hesse, invece, mi ha lasciata un attimo sorpresa la sua decisione di cambiare il narratore in corso d'opera: cioè prima il racconto è narrato da un narratore esterno che poi, durante la narrazione, diventa Siddhartha.

Io voglio pensare che il narratore sia sempre Siddhartha, magari da anziano, e che parli in terza persona nel periodo in cui ancora non riusciva a vedere la luce. Dal momento che inizia a parlare e a raccontare la sua storia, allora, penso, che quello sia il momento esatto in cui Siddhartha trova la luce e la sua strada.

E voi cosa ne pensate? Scrivetemi la vostra opinione nei commenti e...

Buona lettura a tutte/i voi!

Io prima di te

Io prima di te - Jojo Moyes

Lousia Clark, chiamata da tutti Lou, è stata appena lasciata a casa dall'ennesimo lavoro, questa volta non per colpa sua, ma a causa del fallimento del locale. Come spiegarlo a casa, però, dato che la sua famiglia, il padre, la madre, la sorella,il nipotino ed il nonno, contano tutti su di lei e sull'aiuto che le sue entrate portavano a casa.

Il suo sconforto però viene moltiplicato all'ennesima potenza quando l'agenzia del lavoro le propone come unica alternativa quella di dare aiuto a un ragazzo paralizzato per sei mesi.

Accettando questo impiego come unica possibilità, Lou non sa ancora come questo le cambierà la vita. Infatti Will, un ragazzo che di lavoro faceva il banchiere, con una futuro stupendo davanti a se, stroncato a seguito di un incidente che lo renderà paralizzato, si dimostra all'inizio un po' scontroso, ma solo come forma di difesa per il futuro che pensa lo aspetti.

Sarà il compito di Lou dimostrare che anche da paralizzato le possibilità di vivere appieno la sua vita non sono state ridotte. Ma questo funzionerà davvero a convincere Will e a renderlo felice appieno?

Estratto:

“Will era in mezzo alla stanza, seduto ben dritto sulla sedia, con un bastone da passeggio in bilico sui braccioli che sporgeva di circa mezzo metro alla sua sinistra, come una lancia da giostra medievale. Non era rimasta nemmeno una fotografia sui lunghi ripiani; le costose cornici ridotte in pezzi sparse su tutto il pavimento, il tappeto punteggiato di scintillanti frammenti di vetro. Le cosce di Will erano cosparse di una miriade di schegge taglienti e scaglie di legno. Osservai la scena di distruzione e sentii il cuore pian piano rallentare quando capii che lui non si era fatto niente. Respirava forte, come se qualsiasi cosa avesse fatto gli fosse costata uno sforzo. La sedia girò con un leggero scricchiolio sul vetro. Gli occhi di Will incrociarono i miei. Erano infinitamente stanchi. Mi sfidavano a offrirgli solidarietà.”

Commento:

Ormai credo che la storia di Will e Louisa abbia spopolato, grazie anche al successo straordinario ottenuto dal film, e che quindi sia una storia che conoscete tutti o di cui almeno avete sentito parlare. Devo dire che all'inizio la storia che mi era stata proposta non mi aveva entusiasmato.

Il mio pensiero era: “Ma nella vita reale non succede mai che una ragazza si innamori di un ragazzo disabile, non può essere una storia verosimile e quindi cedibile”. E invece ragazzi mi sono dovuta ricredere, ma tanto! La storia non può che essere molto originale ma anche molto verosimile, aiutata soprattutto dalla facilità di comprensione del testo e delle descrizioni e dalla semplicità della scrittura.

I protagonisti, anche se formano una coppia molto inverosimile, fanno pensare un po' alle vecchie storie che ci raccontavano da piccole, dove ognuna di noi poteva sperare nell'arrivo del principe azzurro, anche se per Lou questa volta il principe azzurro non arriva su un cavalo bianco, ma su una carrozzina a motore.

Molto istruttiva, anche, perché ci insegna che ogni disabile è una persona con sentimenti uguali ai nostri e perché poi non si può pensare ad innamorarsi di lui?

Sono proprio stata una stupida a non credere in questa storia, ma sono contenta di essermi ricreduta. E se non avete ancora letto questa storia, cosa state aspettando?!

Una tazza di caffè, una Torre Eiffel alle spalle e...

Buona lettura a tutte/i voi!

Il richiamo del cuculo

Il richiamo del Cuculo – Robert Galbraith

Cormoran Strike è uno squattrinato agente investigativo che viene sedotto dai quattrini offerti da un avvocato per risolvere un omicidio avvenuto mesi prima; la top model Lula Landry viene trovata morta sul marciapiede sottostante il suo appartamento e dopo una serie di investigazioni la polizia lo dichiara un suicidio. Suo fratello però, John Bristow, non sa darsi pace e si offre di ingaggiare Cormoran, vecchio amico di suo fratello morto quando era ancora un ragazzino, per trovare l'assassino di sua sorella.

Cormoran nelle sue indagini scoprirà così che tutti e tre i fratelli erano stati adottati dalla nobile famiglia Landry e che proprio in quel periodo Lula, dopo aver ritrovato la madre naturale, si era messa alla ricerca del padre naturale. Il protagonista farà la conoscenza di un nuovo mondo, quello dell'alta moda, per riuscire a capire quali persone giravano intorno alla povera Lula e soprattutto chi lei poteva considerare amico o no.

Il nostro amico Cormoran riuscirà di certo a risolvere il caso, ma era il finale che ci saremmo aspettati tutti da questa storia?

Estratto:

“Il brusio si levava dalla strada come un ronzio di mosche. I fotografi erano ammassati contro le transenne presidiate della polizia. I lunghi zoom delle macchine fotografiche puntati, i respiri che si condensavano come vapore.La neve cadeva senza tregua su spalle e capelli; dita guantate dovevano continuamente pulire le lenti.”

Commento:

Eccoci di nuovo qui con un'altra recensione: oggi parleremo di questo libro che fa parte della serie di Gialli dell'autore Robert Galbraith (che penso saprete tutti essere lo pseudonimo della nostra amata J.K.Rowling.

Possiamo dire che a questa autrice la fantasia non manca di certo e di sicuro riesce a trasferire in noi la sua grande passione per Londra (città meravigliosa), ma (perchè c'è sempre un ma) sarà davvero questo il genere di sua portata? Secondo il mio modestissimo parere posso dirvi che per quanto il libro l'abbia trovato di facile lettura e molto scorrevole, e per quanto nelle descrizioni e nel modo di produrre la storia si veda all'interno la mano della scrittrice che noi conosciamo, a questo libro manca un qualcosa.

La storia è bella e coinvolgente, ma credo che gli vada a mancare quel pizzico di suspence all'interno dei capitoli. Mi è diventato interessante, e da lì poi ho iniziato a divorarlo, solo alla fine purtroppo, quando si è ormai all'interno della storia e già quasi alla fine. Non sarò una scrittrice ma penso che avrei aggiunto qualche effetto speciale nei capitoli di mezzo giusto per tenere legato il lettore. Questo non vuol dire che il protagonista non faccia nemmeno un passo avanti nell'indagine fino all'ultimo, ma che le sue scoperte o le indagini risultino quasi banali. Forse tutto ciò è dovuto anche dal troppo entusiasmo che mi aspettavo da una nuova serie della Rowling. Nel caso provate a leggerli anche voi e fatemi sapere il vostro parere a riguardo!!

Per quanto riguarda i personaggi ovviamente io mi sono immedesimata nella figura della segretaria Robin: penso che ognuno di noi abbia sempre sognato prima o poi di andare a lavorare per un agente investigativo e di dover iniziare a stolkerare un po' qualcuno pur essendo pagati o forse no?!

Comunque ho apprezzato molto questo personaggio che dimostra come dovrebbe essere una donna vera con la D maiuscola: bella, altruista e piena di talento, disposta a lasciare il lavoro che le da una stabilità economica per continuare a fare quello che le piace. Un dettaglio che ho apprezzato tanto è che solitamente in questi libri, quando uomo e donna lavorano insieme a stretto contatto su un caso, di sicuro nella trama nascerà una storia tra i due. In questo caso fin dall'inizio l'autrice ci lascia pensare che sia davvero così ma in realtà non succede mai nulla, sì lascia intendere una qualche gelosia tra i due, ma entrambi non fanno mai nessun passo per rovinare quel rapporto di lavoro-amicizia che si viene a creare nel tempo.

Ora ragazze e ragazzi sta a voi leggerlo e farmi sapere come lo avete trovato!

Buona lettura a tutti voi!

Il bacio perduto

#3 Il bacio perduto – Lara Adrian

In questo terzo capitolo come protagonista incontriamo Elise, che in cerca di vendetta per la recente scomparsa del figlio a causa della brama di sangue dovuta al Cremisi, passa le sue giornate inseguendo e prendendo informazioni sui ribelli e su come riuscire a scovarli uno per uno.

È proprio in una di queste battaglie che la compagna della stirpe incontrerà il misterioso e solitario Tegan, guerriero Gen Uno che combatte i ribelli al fianco dell'Ordine è sotto la guida di Lucan.

Ed è proprio la tenacia di questa donna, forte e coraggiosa che le permette di prendere posto nella testa di Tegan. E dopo aver conquistato la sua testa, il passo è davvero breve per arrivare subito al suo cuore.

Ma la battaglia che li aspetta è davvero molto lunga ed estenuante ed Elise di certo non vuole coinvolgere tutto l'Ordine, ma avrà un'altra scelta?
In una tormentata storia d'amore, fatta di prendi e fuggi i due riusciranno a scoprire il terribile piano di Marek, ma siamo sicuri che riusciranno anche a fermarlo?

Estratto:

“Elise si mise una mano in tasca per estrarre il pugnale. Lo tenne vicino al fianco, sospeso per colpire, ma nascosto dietro il lungo drappeggio della sua giacca a vento. Con la mano libera, afferrò il chiavistello e aprì la porta, che non era chiusa a chiave. Fiocchi di neve la precedettero turbinando nella buia anticamera che puzzava di muffa e fumo di sigarette stantio. Il Servo era in piedi vicino a una fila di cassette per la posta. Era appoggiato con una spalla contro la parete mentre con una mossa del polso apriva un cellulare come quelli che portavano tutti: la linea diretta dei Servi col loro Padrone vampiro. «Chiudi la fottuta porta, puttana!» ”

Commento:

Come tutta questa saga di libri le parole della Adrian sono sempre piene di passione e dettagliate descrizioni, ma quello che in questo libro viene reso molto più chiaro è la storia che è stata creata dietro a questi personaggi e alle loro love story, che nei primi libri prendevano la maggior parte dei capitoli.

Finalmente in questi libri già appassionanti troviamo qualcosa che ci lega ancora di più al voler finire l'intera saga, ed essendo molto lunga di fantasia ce n'è voluta davvero tanta. Non credo sia facile creare un filo logico che duri per oltre 12 capitoli: certo il fatto di far conoscere in ogni capitolo un membro della stirpe con la propria compagna e quindi di legare a storia di fondo a delle love story sempre diverse è un'idea molto originale e coinvolgente.

Come tutti i capitoli che precedono questo, la scrittura è molto semplice e fa sì che il libro lo si possa divorare in veramente pochissimo tempo.

Ci rivediamo al prossimo capitolo.

Buona lettura a tutte/i voi!

Fellside

Fellside – M.R. Carey

Jess si sveglia in ospedale senza ricordarsi più nulla, nemmeno il suo nome. Le viene detto che si è addormentata in casa dopo essersi drogata per l'ennesima volta e una fiamma libera ha preso piede in casa sua creando un incendio in cui lei è rimasta gravemente ferite e ustionata nella maggior parte del corpo e il suo vicino di casa, il ragazzino che abitava sopra di lei, è rimasto ucciso.

Dopo che anche il suo ragazzo conferma in tribunale quella versione dei fatti, Jess si convince della sua colpevolezza e si fa rinchiudere nella prigione femminile di Fellside. Lì scopre che esiste una gerarchia da rispettare: Grace ha il controllo di tutto il carcere, grazie alla complicità della guarda Devlice e alle sue guardie del corpo Lizzie e Big Carol.

All'interno di Fellside, Grace riesce a far entrare e a spacciare droga tra le ragazze ma il processo di Jess potrebbe essere un buon modo per poter ampliare il giro ad altre carceri. Jess però riscopre un potere che aveva fin da quando era piccola e che aveva assopito. Lei riesce a muoversi nei sogni della gente, ed è così che scopre l'assassino, grazie all'aiuto dello spirito del ragazzino morto.

Estratto:

“Il giorno prima dell'udienza di Moulson, Big Carol e Liz Earnshaw andarono a trovarla nella sua cella. Era da un po' che non si beccava un pestaggio e quindi non era più abituata. Si ritirò nell'angolo tra il letto e il muro, cercando di farsi piccola piccola, coprendosi la faccia con le mani e preparandosi per la tempesta. Earnshaw guardò la scena con la sua solita faccia impassibile, ma Big Carol trovò la cosa estremamente divertente. «Non siamo qui per farti male, scema», ridacchiò. «Esci di lì». Ma Jess rimase dove si trovava e Big Carol dovette chinarsi, sbuffando, per parlarle. «Domani vai in tribunale per la tua udienza», le disse. «Oxford Row a Leeds. Il giudice Foulkes. Annuisci se hai capito». Jess annuì. «Bene, mentre sei lì, ci potresti fare un piccolo favore. C'è un pacchetto che dovresti prendere e portare qui. Alzati. Su. Voglio farti vedere una cosa.»”

Commento:

Come dicevo al mio ragazzo qui vicino, che ha visto la mia faccia quando ho finito questo libro, sono rimasta davvero delusa e con l'amaro in bocca.

Colpa mia, lo ammetto: ma mi ero fatta delle illusioni di un libro completamente diverso da quello che in realtà ho letto. Mi prospettavo un giallo, un thriller, dove la risoluzione di un caso di omicidio veniva sudato e protratto fino all'ultimo capitolo.

Ho trovato invece un libro che inizialmente si spaccia per giallo e che diventa una specie di racconto fantasy, dove subentra all'interno un mondo non reale creato dalla fantasia/magia della protagonista e per merito di quel mondo i tasselli del puzzle vengono riassemblati per dare continuità logica al racconto. Ma il giallo? Ah si, l'assassino viene svelato così nel giro di qualche secondo, come fosse tutta una cosa così naturale da farla passare in secondo piano rispetto alla trama che era stata cambiata nel libro.

Mi spiego meglio: il libro inizia con la protagonista che viene accusata di omicidio e lei non si ricorda nulla, crede di essere colpevole e viene incarcerata. All'interno del carcere riscopre un suo potere innato di quando era piccola che le dava la facoltà di riuscire a muoversi nei sogni delle persone e a vedere quello che sono fantasmi e chi incontra in questo mondo? Il ragazzino che pensa di aver ucciso ed è proprio lui che la convincerà a non arrendersi e a trovare il vero colpevole del suo assassinio, convincendola di non essere stata lei ad ucciderlo.

Il libro finisce con la fine di un'altra storia che viene introdotta nei giorni di carcere della protagonista Jess: la storia di due carcerate che si sono innamorate all'interno di Fellside ma che vengono separate dalla morte sospetta e inaspettata di una delle due. L'assassino della prima storia confessa in un giorno qualunque verso la fine del libro, come nei migliori film di Jessica Fletcher.

La seconda storia va avanti fino agli ultimi capitoli del libro (e almeno quella parte ve la lascerò incognita).
Scusatemi, ma la continuità della storia? La logica di un "inizio, svolgimento e fine"?
Davvero sono senza parole!
Se volete iniziatelo pensando sia un fantasy, magari risulterà più leggibile (a parte qualche descrizione che risulta di difficile comprensione).
Vabbè, andiamo avanti al prossimo libro!

Buona lettura a tutte/i voi!

La voce nascosta delle pietre

La voce nascosta delle pietre – Chiara Parenti

Luna ha un destino inciso nella roccia; suo nonno, un ricercatore di gemme, l'ha sempre cresciuta insegnandole che le gemme fossero l'unica cosa che l'avrebbe potuta aiutare sempre.

Ogni pietra preziosa aveva un suo significato e sarebbe servita ad uno scopo ben preciso. Vicino a lei c'è sempre stato lui, Leonardo, bello come l'agata e forte come il diamante.

Una notte, però tutto è cambiato: dopo aver passato la prima notte insieme, Luna si sveglia e al suo fianco Leo non c’è più. Al suo posto un solo biglietto che dice: “ Mi dispiace”. Il suo cuore si spezza in quel momento per non riunirsi mai più fino a che 13 anni dopo Leonardo entra nel negozio di gemme del nonno, dove Luna lavora e tutto piano piano si rimette a posto.

Ma Luna ha già sofferto tanto l'ultima volta che Leonardo è sparito e riaprire il suo cuore è davvero molto difficile, in più adesso suo nonno si sta spegnendo piano piano e lei non sa davvero più cosa ascoltare: il cuore contro la ragione.

Estratto:

“Leonardo aiuta la hostess a risistemare i bagagli nella cappelliera, poi in silenzio si siede nel posto vuoto al mio fianco. Io non distolgo lo sguardo dallo schermo di fronte a me, fisso la linea tratteggiata che unisce Milano a Bangkok e penso che questo sarà il volo più lungo della storia dell'aeronautica. Da questo momento, oltre ai cellulari e ai dispositivi elettronici, si spengono anche le comunicazioni tra noi e nella fila 16 cala un silenzio glaciale. Non riesco ancora a capire come mio nonno abbia potuto farmi questo. Ho deciso che farò, ignorerò Leonardo per tutto il tempo, farò finta che non esista. D'altronde, per me è morto. La promessa prevedeva che anche lui fosse qui, ma non che gli rivolgessi la parola.”

Commento:

Partiamo dal presupposto che questo libro ha con me molto in comune: ho iniziato la facoltà di geologia perchè avevo una passione spropositata per le pietre preziose. I loro colori e le loro forme particolari mi hanno sempre attirato molto e da piccola sognavo anch'io di andare alla ricerca di pietre in tutto il mondo.

In più anche mio nonno si chiamava Pietro, questo ha fatto si che il nonno di Luna diventasse un po' anche il mio e mi ha riportato alla mente tanti ricordi di quando da piccola giocavo con lui.

Come ultima cosa la Sardegna, visto che mio nonno era sardo!

E' stato un libro molto intenso per me: volevo che la storia prendesse una certa piega e un certo finale, ma a volte sembrava andare su una via diversa e la sua lettura mi diventava difficile. Quasi non volevo leggere il finale, che ammetto, alla fine non mi ha proprio deluso.

Le storie belle sono le uniche che ci donano speranza e ci fanno capire che le cose belle succedono, ma non perchè sia il destino a farle andare così, ma perchè siamo noi a governare il nostro destino e le nostre scelte ci portano al risultato che vogliamo ottenere.

Un libro leggero, con una scrittura semplice, ma pieno davvero di significati e di emozioni contrastanti. Ammetto che mi è piaciuto molto perchè ho capito che dietro alla storia d'amore c'è molto di più.

Alla fine della storia vorrete bene a tutti: ad Ambra e ai suoi errori, a Giada e al suo amore incondizionato e paziente, a Luna e a Leonardo, i protagonisti, ma soprattutto a Pietro (grande e piccolo).

Ps. Mio figlio si chiamerà Leonardo a prescindere da questo libro!

Buona lettura a tutte/i voi!

WWW Wednesday

WWW Wednesday #3

Buongiorno a tutti, quest’ oggi voglio svegliarvi con la bellissima rubrica del WWW Wednesday, che ci permette di scambiarci idee e opinioni sui vari libri letti nell’ultimo periodo e che siamo in procinto di leggere.

sono molto curiosa di sapere le vostre opinioni in merito quindi RISPONDETE facendomi sapere quali sono le vostre risposte!

Ed ecco le 3 fatidiche domande che caratterizeranno la rubrica.

1. Cosa hai appena finito di leggere?

Ecco gli ultimi due libri che ho letto: il primo , ovviamente, è stato all’altezza delle aspettative. Avendo già letto il prim conoscevo già la scrittura e un po’ anche la protagonista della serie. La sua seconda avventura è stata molto affscinante e ve lo consiglio. Il secondo al contrario mi ha lasciata un po’ così: mi aspettavo il finale diverso. Ma ne saprete di più leggendo le recensioni.

2. Cosa leggi attualmente?

LA VOCE NASCOSTA DELLE PIETRE – CHIARA PARENTI

Questa volta mi ritrovo a leggere solo un libro. Un libro che, non pensavo, ma che ha davvero tanto in comune con me: per esempio la passione per le pietre preziose, il fatto che sia ambientato in Sardegna (terra che mi rappresenta anche se un po’ alla lontana) e per il fatto che il nonno della protagonista si chiama come il mio, Pietro! Come posso già non amarlo?

3. Cosa leggerai prossimamente?

Queste due saranno le mie prossime scelte di lettura: il primo parla di un ragazzo affetto da Asperger e la sinossi mi ha ricordato un po’ un libro della Picoult che ho amato, quindi questo non potevo non leggerlo. Il secondo invece è un classico per chi come me ha seguito tutte le saghe vecchie tratte dai libri di Agatha Christiee poi, come sapete, amo l’Egitto. Perfetto direi!

E voi cosa ne pensate? Quali sono le vostre risposte alle 3 domande?

Alla prossima avventura e nel frattempo…

Buona lettura a tutte/i voi!

Pubblicato in WWW Wednesday | Commenti disabilitati su WWW Wednesday