Crea sito

Mese: Marzo 2018

March Monthly Recap ’18

March Monthly Recap ’18

Buongiorno a tutti miei cari lettori e mie care lettrici. Anche questo terzo mese è passato e tante novità sono arrivate e già passate. Per esempio vi siete accorti che è arrivata la primavera?

Qui dopo un piccolo tentennamento è arrivato il sole, il caldo e le giornate finalmente si sono allungate lasciando il posto alle passeggiate nei parchi, piuttosto che stare in casa al caldo con pile addosso e tisane.

E’ arrivato il momento della frutta gialla e rossa (come le fragole!!!) e delle insalate a pranzo. E’ arrivato ed è anche passato il mio compleanno: fatto di regali e grandi amicizie!

Insomma, non so se lo avete capito ma Marzo è il mio mese preferito! Ahahahahah!!!

Adesso quello che ci resta è leggere e leggere: all’aperto nei parchi, sedute dulle panchine o sdraiate nell’erba. La parola d’ordine però è continuare a leggere quello che ci piace per continuare a sognare ed entrare a far parte di mondi sempre diversi e sempre più belli.

I libri che sto leggendo in questo momento me lo permettono: sono molto diversi ma mi permettono di conoscere mondi molto diversi ma che sanno far sognare entrambi a modo loro. Ma non vi voglio svelare troppo, dovrete leggere le mie recensioni per scoprirlo.

Addentriamoci, però, nel mese di Marzo e ditemi un po’ voi questo mese che letture vi ha ispirato e in che mondi siete entrati e con chi avete sognato. Io ora vi mostro le mie letture, quelle che mi hanno tenuta un po’ impegnata!! Voi li avete letti? Vi sono piaciuti o avete idee su libri da consigliarmi per le prossime letture?

Aspetto i vostri commenti e i vostri suggerimenti. E noi ci si rivede alla fine di Aprile con le prossime novità!

Buona giornata a tutti e Buona Pasqua!!!

Pubblicato in Monthly Recap | Commenti disabilitati su March Monthly Recap ’18

Il bacio svelato

#5 Il bacio svelato – Lara Adrian

Ed ecco a noi che il più tenebroso, solitario e freddo dei membri dell'Ordine si ritrova ad essere attrato da una compagna della stirpe, Renata, dal carattere forte e solitario come il suo. Ma forse nessuno dei due si aspetta che l'altro possa andare a colmare quel vuoto che entrambi hanno dentro e che nessuno dei due ha mai voluto far uscire, con l'istinto di proteggersi da qualcosa di futile ed inutile come l'amore. Ma eccoli a desiderarsi a vicenda e a trattenersi a rigore del muro che hanno eretto così tanto bene, o forse no. Intanto la lotta continua ad avanzare e a fare passi avanti. Grazie a Nikolai l'Ordine riesce ad infiltrarsi nel luogo di una riunione di quei vampiri che stanno complottando per una rivoluzione lenta e sanguinolenta e a recuperare informazioni importantissime per trovare l'artefice di tutto questo: Dragos.

 Estratto:

“Nikolai lanciò un'occhiata sopra la spalla mentre l'alta brunetta iniziava a farsi strada attraverso la folla radunata attorno al bancone. D'impulso, in quel momento si voltò a guardarlo, i suoi occhi verde giada penetranti sotto la frangiadi sopraccigliascure e il lucido dondolio del suo liscio caschetto lungo fino al mento. C'era una nota di paura in quegli occhi mentre ricambiava il suo sguardo, un timore palese che non tentava nemmeno di nascondere.”

 Commento:

Finalmente Lara ci riporta alla lettura dei primi libri: passione e sesso come se non ci fosse un domani, e sapete benissimo tutte quante che quando si parla dei vampiri dell'ordine possiamo tranquillamente dire che “50 Sfumature di Grigio” è assolutamente una fiabetta da quattro soldi che nemmeno a mia figlia racconterei. Questi libri non hanno nulla da invidiare: contengono la loro buona parte di racconto d'avventura e d'azione (anche se sono sincera e in questo quinto libro la storia principale è quella d'amore tra Niko e Renata che non lascia molto spazio alle lotte dell'ordine) e quel misto tra passione e amore folle che ognuna di noi sogna. Perchè non facciamo tanto le moraliste: se seguiamo così arduamente delle saghe che parlano di passione travolgente anche a letto è perchè in fondo sognamo qualcosa anche noi che gli si avvicini il più possibile.

La nostra cara autrire non ha fatto altro che mettere nero su bianco quello che le donne desiderano, senza paura di essere giudicata male e senza alcuna vergogna.

Come ogni suo libro, assolutamente da leggere.

 Buona lettura a tutti/e voi!

Le notti di Salem

Le notti di Salem – Stephen King

Ben Mears, scrittore, torna nella su vecchia città, la piccola cittadina di Jerusalem's Lot, anche chiamata Salem's Lot o più semplicemente il Lot, nel Main, con l'intento di ispirarsi a una vecchia storia di quando era giovane da utilizzare per il suo nuovo romanzo e delle misteriose scomparse che avevano circondato le famiglie di quella generazione. Di certo non si sarebbe mai aspettato di scoprire tanto orrore tornando nella città dove da piccolo aveva passato qualche tempo a casa della zia.  Arrivato lì, infatti, Ben scopre che due stranieri sono di recente approdati in città apparentemente per affari, per aprire un negozio di mobili di antiquariato. Essi prenderanno possesso di quella casa oscura, lasciata abbandonata da anni, da quando un vecchio mafioso aveva assassinato la moglie e poi si era suicidato. Ma dall'arrivo di questi viaggiatori la città cade preda del disordine ed il passato sembra riemergere. Nessuna poteva immaginarsi a cosa sarebbero andati in contro, e tantomeno Ben poteva aspettarsi che in quel ritorno sarebbe stato così tanto rischioso per la sua vita.
Saranno proprio loro l'origine di tutto quel male arrivato improvvisamente in città?

 

Estratto:

“Mike Reyerson tornò indietro e sedette sull'orlo della fossa a finire il panino, aspettando ilritorno di Royal Snow. La cerimonia si era svolta alle quattro, e ora erano quasi le cinque. Le ombre erano lunghe e il sole stava quasi per calare dietro le alte querce ad occidente. Quello stupido di Royal aveva promesso di tornare al più tardi alle cinque meno un quarto: dov'era finito? […] Qualcuno lo stava sorvegliando. Se ne rese conto all'improvviso e con certezza. Guardò tutto il cimitero, con gli occhi sbarrati. “Royal? Sei qui, Royal?”.”

 

Commento:

Vi siete mai chiesti come vi comportereste se di punto in bianco dalla vostra città iniziassero a sparire persone? Vi svegliate una mattina e il vostro panettiere di fiducia è scomparso e il proprietario del negozio di frutta e verdura è stato trovato misteriosamente morto in casa sua. Di certo la prima cosa alla quale pensereste è che un vampiro è appena approdato in città e stia scatenando il panico, o sbaglio?

Come sempre i libri di King sono un punto fermo: la sua capacità di scrivere, raccontare e farti entrare all'interno del personaggio per farti rivivere le stesse sensazioni ed emozioni è sconcertante. Ogni Lettore con la L maiuscola dovrebbe conoscere a menadito le sue opere. Devo essere onesta sul fatto che non sarei mai arrivata, però, da sola al suo intento di riprendere nella sua opera qualche spunto e qualche riferimento dal libro originario di Bram Stoker. L'unica pecca è che mi sarei aspettata di rimanere più sulle spine in certi episodi narrati, mentre invece vengono raccontati come se l'episodio in questione fosse una semplice scena di vita quotidiana. Ma forse è anche per questo motivo che i libri di King affascinano così tanto: a causa della sua capacità di rendere qualcosa di spaventoso, così semplice e usuale.

Buona lettura a tutte/i voi!

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban – J.K. Rowling

Harry non ne può più e dopo aver fatto gonfiare la zia Marge, sorella di suo zio Vernon, decide di scappare per tornare nel suo mondo. Per raggiungere il Paiolo Magico, Harry fa la conoscenza del Nottetempo, un autobus particolare, invisibile all'occhio di un babbano e utilizzabile solo da un mago. Al suo arrivo però il Ministro della Magia sembra sollevato di averlo ritrovato e nessuna punizione verrà messa in atto per la magia utilizzata di Harry. Sul treno per Hogwarts, Harry però, ricollega tutti i pezzi del puzzle, dalle notizie lette sul giornale dei maghi, alla conversazione sentite dei Weasley fino alla comparsa dei Dissennatori sui confini di Hogwarts.

Un uomo è scappato dalla prigione dei maghi di Azkaban e il suo nome è Sirius Black. Quest'uomo sta cercando proprio lui, perchè il giorno che i suoi genitori morirono Sirius era l'unico che sapeva dove si stessero nascondendo i Potter ma li vendette a Voldemort in cambio della vita. Ora Sirius vuole finire ciò che aveva iniziato tempo fa e uccidere Harry, di cui è anche padrino. Il nuovo professore di difesa delle arti oscure, il professor Lupin, aiuterà Harry con una magia in grado di allontanare i Dissennatori e nelle lezioni Harry scoprirà che il professore è un grande amico di suo padre e di Sirius.

Ma forse dietro a ciò che tutti credono c'è ben altro e Harry è deciso ad andare in fondo alla questione per scoprire la verità!

 

Estratto:

“Senza preavviso, le ali lunghe più di tre metri si spalancarono; Harry ebbe appena il tempo di afferrare il collo dell’Ippogrifo e già quello si librava nell’aria. Non era affatto come un manico di scopa, e Harry sapeva quale dei due preferiva; le ali dell’Ippogrifo battevano scomodamente, urtandogli le gambe e dandogli l’impressione di stare per cadere da un momento all’altro; le piume lucenti scivolavano sotto le sue dita e Harry d’altra parte non osava aggrapparsi più forte; abituato ai movimenti fluidi della sua Nimbus Duemila, ora beccheggiava avanti e indietro mentre i fianchi dell’Ippogrifo si alzavano e si abbassavano insieme alle ali. Fierobecco gli fece fare un giro del recinto e poi puntò di nuovo verso terra. Era questo il momento temuto da Harry: si ritrasse mentre il collo liscio si abbassava, certo di scivolare sul becco dell’animale; poi sentì un colpo secco mentre le quattro zampe male assortite toccavano terra, e riuscì a stento a reggersi e a raddrizzarsi.”

Commento:

Anche il terzo capitolo di questa saga ci lascia senza fiato. Ormai non viene più messa in dubbio la capacità dell'autrice di creare atmosfere e avventure sempre nuove e originali. Ma con questa vengono incastrati in maniera perfetta personaggi, momenti passati e presenti e situazioni. E' davvero incredibile come sembra che fino ad ora i vari capitoli è come se fossero stati scritti insieme per essere un unico libro e poi successivamente separati per crearne una serie. Ora si che diventa difficile aspettare ancora per leggere i capitoli successivi. Siamo diventati anche noi parte della storia e dobbiamo sapere tutti come finirà questa avventura.

Credo di non sbagliarmi dicendo che l'arrivo del professor Lupin ha fatto si che noi trovassimo in lui una specie di tutore e protettore di Harry, data la sua sfortuna nel non poter avere una famiglia che lo ami. Ci siamo affezionati talmente tanto a lui che abbiamo sperato fin da subito che lo potesse in qualche modo adottare o portare via con se alla fine dell'anno scolastico. In effetti credo che questo capitolo sia dedicato molto al professore e a Sirius che impareremo a conoscere solo alla fine dei capitoli.

Cosa state aspettando? Correte a leggere questo libro fantastico.

Buona lettura a tutte/i voi!

Scopri il tuo destino

Scopri il tuo destino – Robin Sharma

Dar Sanderson ha ottenuto tutto dalla vita: soldi e successo e fino a qualche momento prima anche la famiglia che adesso si sta per sgretolare e con lui tutta la sua esistenza. Si sente così perduto da pensare di tentare il suicidio, ma qualcosa lo ferma. Il destino gli farà incontrare sul suo cammino Julian Mantle, ex avvocato di successo che ha deciso di abbandonare tutto per cercare la felicità interiore e trovare se stesso.

Dopo aver affrontato questo percorso da solo, Julian decide di tornare da quelle persone che hanno bisogno del suo aiuto nel capire davvero se stessi e qual'è la strada per la felicità. E' così che Julian incontra Dar nel suo momento peggiore e grazie ad i suoi insegnamenti, passo dopo passo, l'uomo di successo che era, incentrato sempre e solo suoi soldi, imparerà a mettere se stesso, la sua felicità e quella dei suoi figli, prima dei soldi e a vivere meglio la sua vita. Dar capire come dare senso alla sua vita e cosa sono davvero le cose importanti: non i soldi e la ricchezza, ma la felicità interiore fatta di piccoli gesti e di serenità.

 

Estratto:

“«Buongiorno, amico, entra pure – disse con slancio. - Stavo ascoltando un po' di musica. E' Dave Matthews, Gravedigger. La adoro. Trovo che esprima l'importanza di vivere con pienezza quando ne abbiamo la possibilità. Godersi ogni istante, anche quelli meno allegri. Perchè presto la vita avrà fine: prima che ce ne rendiamo conto, finiremo tre metri sotto terra e i piccoli piaceri che davamo per scontati, come sentire la pioggia sul viso, vedere i nostri figli ridere o guardare l'alba, apparterranno al passato. Ascoltami, Dar: di solito le cose a cui diamo più importanza a 20, 30 o 40 anni sono quelle che al termine dei nostri giorni assumono meno valore.”

Commento:

E' stata davvero una lettura illuminante questo libro. Mi ha fatto capire davvero che per volere arrivare alla fine di una strada, basterebbe solo mettere un piede di fronte all'altro e pian piano camminare. Invece, nel nostro cammino della vita, troppo spesso decidiamo di fermarci sul primo masso che troviamo per riposarci un po' e alla fin fine su quel masso ci rimaniamo anche troppo, credendo di essere già arrivati a destinazione o di poterci accontentare di quella poca strada percorsa.

La nostra vita va ben oltre al puro e sempice materiale. Se riesci a metabolizzare che dietro ad una grande difficoltà c'è un grande risultato per noi stessi, capisci davvero come vanno affrontate le cose della vita e quei grandi massi che vedevi di fronte a te, diventano dei piccoli sassolini da prendere a calci come gioco.

Questo libro è pieno di grandi insegnamenti da leggere e seguire.

Sono sincera: non sono riuscita a seguire tutte le regole per imparare a stare bene con te stessa. Non riesco a svegliarmi presto, non sono costante nella scrittura di un diario e non sono in grado di ritagliarmi del tempo per fare del bene al prossimo.

Una cosa però l'ho imparata: per riuscire a stare bene nel mondo, devi imparare a stare bene con te stessa. Questo ti porterà di conseguenza a stare bene con le persone che ti circondano. Detto questo:

Buona lettura a tutte/i voi!

La ragazza del treno

La ragazza del treno - Paula Hawkins

A Rachel rimane solo una cosa che le da conforta: il bere fino a stordirsi del tutto e poter dimenticare. Il fatto di non poter avere figli l'ha mandata in depressione e l'ha fatta diventare un alcolista fino a rovinare per sempre il suo matrimonio. Ora non le rimane che il suo lavoro e l'alcool. Così ogni mattina ed ogni sera quando prende il treno per arrivare a Londra, si mette a fantasticare su quella coppia che abita nella villa di fronte alle rotaie dove il treno si ferma allo stop. Jess e Jason sono una vera coppia felice: lei è un'artista e lui un tecnico informatico e ogni mattina fanno colazione sul terrazzino di casa loro (casa che si trova a qualche passo di distanza da dove lei abitava con l'ex marito e da dove adesso lui, Tom, abita con la nuova moglie Anna e la figlia piccola Evie).

Un giorno però Rahcel, passando con il treno, vede Jess mentre bacia un altro uomo e il suo rammarico diventa troppo grande. Ma il peggio non è ancora arrivato. Jess scompare nel nulla senza lasciare traccia di sè e le accuse ricadono subito sul marito, Scott (Jason). Rachel, però, ne è certa: non può essere stato il marito che amava così tanto la sua Megan (Jess). Così Rach si reca alla polizia per raccontare tutto ciò che sa, ma la polizia non le creda; lei in fondo è una vecchia ubriacona pazza che ancora molesta il suo ex marito per convincerlo a tornare con lei, come potrebbe essere attendibile una sua dichiarazione. Non le resta che cercare di contattare direttamente Scott, incontrarlo e raccontargli che l'assassino è sicuramente l'uomo con la quale sua moglie lo tradiva.

Ma questa notizia sconvolge Scott, come si poteva immaginare, tanto da farlo andare fuori di testa e far cambiare a Rachel l'opinione che aveva di lui. Forse è davvero stato Scott ad ammazzare sua moglie per pura gelosia?

Ovviamente le cose si complicano quando, con l'aiuto di uno psicologo, Rachel inizia a fare luci su quei momenti che l'hanno sempre tormentata, poichè ogni volta che si ubriacava, diventava violenta, aggressiva e ingestibile, ma la mattina poi dimenticava tutto. Nessuno però riesce a capire come stanno le cose, nemmeno la polizia e la tragedia di Megan rimane un mistero. Fino a quando...

Estratto:

"Come ho fatto a cadere così in basso? Mi chiedo quando sia iniziato il mio declino e in quale punto avrei potuto invertira la tendenza. Quando ho preso la strada sbagliata? Non è stato quando ho incontrato Tom, perchè lui mi ha salvata dal mio dolore per la morte di papà, E neanche quando ci siamo sposati, sette anni fa: era un giorno di maggio, faceva freddo e noi eravamo spensierati ed ebbri di felicità. Io ero soddisfatta, mi sentivo realizzata, guadagnavo bene. Non è stato neppure quando abbiamo traslocato al civico 23: mai avrei pensato di ritrovarmi a vivere in una casa così bella e grande, a soli ventisei anni. [...] Dev'essere stato allora, è stato quello il momento in cui le cose hanno iniziato ad andare male: quando ho cominciato a pensare a noi non come una coppia, ma come una famiglia."

Commento:

Vorrei far partire il mio commento con delle sincere scuse. Ho provato a rileggere più volte ciò che aveva scritto come presentazione e trama del libro e sembra tutto molto confuso. A mia discolpa vorrei però dire che la trama è davvero molto intricata e nel mezzo vengono contemplati molti personaggi che c'entrano o meno con il racconto della storia. Ho cercato quindi di riassumere, mettendo in risalto ciò che centrava davvero con la storia e di lasciare in secondo piano cosa poteva essere dimenticato almeno ad una prima lettura. Spero comunque che sia risultata un pochino chiara la storia.

La lettura di questo libro è stata davvero strana. All'inizio, è stato un po' lento: l'autore si è soffermato molto a raccontare e a descrivere la sotira e il passato di Rachel, che è la protagonista. Tantomeno la parte centrale, che dopo aver raccontato la scomparsa di Megan, ci ha portati subito nella direzione più ovvia di pensiero. E' stato strabiliante, arrivati a un centinaio di pagine dalla fine, capire che l'autore ci aveva fatto credere esattamente quello che voleva lui e che alla fine si sia rivelata tutta soltanto una bugia e il finale è stato davvero qualcosa di inaspettato sotto tutti i punti di vista.

La scrittura del racconto, poi, mi è piaciuta particolarmente perchè molto fluida e semplice,  e le descrizioni sono state chiare e facili da immaginare nella propria mente perchè ricche dei dettagli giusti. Anche se, da come era partito il libro non l'avrei mai detto, per gli amanti dei thriller questo potrebbe risultare un libro molto ma molto piacevole. Quindi stra-consigliato e fate attenzione ai vostri vicini di casa, che magari ogni tanto buttano l'occhio alla finestra per spiarvi un po'!

Buona lettura a tutte/i voi!

Il mio nome è Sissi

Il mio nome è Sissi – Allison Pataki

Sissi è una giovane duchessa di Baviera, vissuta sempre nella libertà delle sue terre cavalcando e facendo lunghe passeggiate per i boschi. La sua vita, però, cambiò il giorno che i suoi occhi incrociarono quelli di Franz Joseph, imperatore d’Austria, e promesso sposo di sua sorella Helene. Sfidando la sorte, e soprattutto la zia Sophie, i due ragazzi decidono di sposarsi perché si amano follemente e alla fine l’arciduchessa è costretta ad accettare il fatto. Finalmente Sissi è libera di essere felice, o forse no?

In effetti, la vita non è come se la sarebbe immaginata: il suo Franz non ha il tempo di stare con la sua giovane moglie e dedicarle le attenzioni che merita perché una guerra rischia di esplodere in Europa. Elisabeth è costretta tutto il giorno con la zia Sophie che non fa altro che criticarla per i suoi modi, la sua mancanza di educazione e così via. Finalmente Sissi riesce a rimanere incinta e il suo volto si illumina di nuovo per nove mesi, fino a che al momento della nascita non scopre che per usanza alle imperatrici non è permesso educare le proprie figlie. La felicità di Sissi si spegne ogni giorno sempre di più: Franz è sempre più occupato e sempre più distante anche a causa delle sue molteplici amanti, la zia Sophie è sempre più assillante e Sissi vuole solo fuggire.

Una luce negli occhi, però, le si accende di nuovo in quel fatidico giorno in Ungheria, ma la sua vita è molto più complicata di quello che si crederebbe.

Estratto:

“Era la sua prima notte da imperatrice, la sua prima notte nelle sue stanze imperiali. Si guardò intorno, osservando il letto gigantesco, coperto di cuscini di piume sotto l’immacolato baldacchino di seta: tutto era grande, imponente, lussuoso. Così diverso da Possi, dai divani logori e dalle ceramiche sbeccate. Qui sulle pareti, tappezzate di broccato, si aprivano vetrate altissime che si affacciavano sui giardini imperiali. Il mobilio era lucido e impeccabile, le suppellettili piccoli tesori. Lei aveva sempre l’impressione di stare per rompere qualcosa. Sedie e tavolini erano stati sistemati di fronte alle grandi finestre a bovindo e un armoire gigantesco era stato stipato all’inverosimile di tutti i vestiti che Sissi si era portata con sé, insieme ai tanti abiti nuovi che aveva ricevuto.”

Commento:

Leggere questo libro è stato come fare una doccia fredda in pieno inverno fuori al freddo. Sono nata, vissuta e cresciuta con i film di Ernst Marischka sulla vita di Sissi (per intenderci quelli creati nel 1955 con protagonista Romy Schneider) e la sua storia è stata la più sognata. A partire dagli abiti dell’epoca (si scusate ma sono una mia fissazione) per finire con la sua vita perfetta, piena d’amore, di vitalità e di vittorie vinte con l’arciduchessa che la mettevano sempre in risalto nel popolo. Ovviamente tutti sappiamo che la sua storia, anche dovuta alla condizione delle donne dell’epoca, è completamente diversa, Ma diciamo che è stato bello sognare. La realtà della sua vita triste e solitaria mi ha colpito molto. Credo che siano molto più da rispettare le donne di una volta, anche se subivano trattamenti inaccettabili dagli uomini. Erano donne con una forza interiore senza pari e questo libro ne è la prova. Anche se alla fine del libro l’amore iniziale da parte di Sissi è esaurito poiché la realtà dei fatti l’ha colpita in pieno volto, dobbiamo dare atto a quella donna che ha sempre cercato di fare la cosa giusta, mettendo sempre i propri bisogni dopo quelli degli altri e del suo popolo.

Il libro è stato straordinario. Cercavo qualcosa che descrivesse bene la sua vita ma romanzandolo un po’ (non mi piacciono troppo i libri puramente storici che si limitano a narrare i fatti). Mi piace leggere di emozioni e sentimenti, di passioni e di rabbia e questo libro è stato uno spettacolo. Un libro di più di 500 pagine letto in pochi giorni. Non riuscivo più a staccarmi da lui, dovevo sapere cosa avrebbe fatto Sissi, come sarebbe uscita dalla solitudine, dalla depressione e dalla tristezza che l’hanno colta in età così giovane solo perché trascinata dall’amore inconsapevole.

Sono una fan di Sissi, è vero, e sono di parte, ma questo libro dev’essere letto punto e basta!

Buona lettura a tutte/i voi!

Piccole grandi cose

Piccole grandi cose – Jodi Picoult

Ruth Jefferson è una donna nera in un mondo in cui il colore della sua pelle è un problema. La metà delle persone la tiene alla larga e l’altra metà è troppo occupata a far finta di non essere razzista per accorgersi che il loro comportamento abituale invece dimostra il contrario. Ma lei ha passato la vita a cercare di rendere normale il suo mondo, di integrarsi con il mondo dei bianchi e di dimostrare che il suo colore non faceva di lei una persona meno rispettosa. Si è laureata ed è diventata infermiera e dopo vent’anni di carriera pensava di averle già viste e passate di ogni.

Una coppia di skinhead fa si che Ruth venga allontanata dal loro bambino e che per nulla al mondo lei lo possa toccare: loro non gradiscono la gente di colore. Ma Ruth è l’unica in turno quando il bimbo della coppia inizia ad avere una sofferenza cardiaca e a smettere di respirare. E ora cosa fare?

Nonostante le cure fornitegli, il bimbo non riesce a sopravvivere e Ruth viene accusata di omicidio e processata. La ragione è una questione difficile e si trova sempre nel mezzo, o no?! Ruth viene incarcerata e subisce un processo; il suo avvocato Kennedy la mette subito in guardia. Sarà un qualcosa di estenuante ma dovrà dimostrare forza e coraggio. La differenza di colore non dovrà essere menzionata durante il processo, perchè le persone non sono ancora in grado di capire cosa vuol dire e l'argomento astioso rischierebbe di compromettere tutto il processo e la sua libertà. Ma Ruth non è mai stata libera è l'unica cosa che chiede è di poter salire sul banco dei testimoni per poter dire la sua verità. Ma qual'è la verità?

Estratto:

“Ho sempre promesso a Edison che, se lavora sodo, e se lo fa bene, riuscirà a conquistarsi il suo posto. Gli ho sempre detto che non siamo impostori; che se lottiamo per qualcosa e finiamo per ottenerlo ce lo siamo meritato. Ma ho tralasciato di dirgli che in qualsiasi momento queste conquiste potrebbero essergli strappate via. Per quanto sembri incredibile, puoi guardarti in uno specchio per tutta la vita e credere di vederti chiaramente. Poi, un giorno, strappi via un confuso, grigio strato di ipocrisia e ti rendi conto di non esserti mai visto sul serio. Faccio fatica a trovare la parola giusta, in questo caso: dire a Edison che la sua reazione era comprensibile, ma che, anche se picchiasse tutti i ragazzi di quella scuola, nel lungo periodo non farebbe nessuna differenza.”

Commento:

L’argomento è davvero molto complicato da leggere e da commentare. Mi sono resa conto di quanto i miei comportamenti nel non far sentire a disagio una persona di colore, al contrario avrebbero potuto metterlo a disagio perché sottoposto ad uno sguardo diverso che poteva sembrare quasi compassione. Siamo sempre stati cresciuti vedendo negli altri prima il colore della loro pelle e poi quello che c’è dentro il loro cuore. Eppure quando siamo bambini a nessuno importa di che colore sia la tua pelle o di quali difetti fisici tu possa avere. Dovremmo imparare a vivere sempre così: nell’innocenza più totale della quale sono dotati i bambini.

Nonostante l'argomento, è un libro che si fa leggere molto volentieri. E' straordinario come la bravura dell'autore si possa vedere nella capacità di trattare situazioni difficili rendendole facili invece da comprendere.

E' stata invece più dura entrare nella testa dei personaggi: le donne descritte hanno una forza innata in loro e questo mi ha fatto molto piacere. Amo leggere quei libri che dimostrano e rendono chiaro che le donne sono delle vere e proprie forze della natura. Con caratteri diversi, entrambe però hanno molto di più dentro di quanto venga descritto, ma questa l'autore lo fa capire con molta maestria da loro atteggiamenti o sguardi descritti. Credo di essermi immedesimata meglio in Kennedy, poichè come lei amo la ricerca della giustizia.

Ovviamente consiglio a tutti la lettura del libro, come consiglio sempre le letture di questa autrice. Non riesce mai a lasciarmi indifferente alle storie che racconta. Sembra essere un’ esperta in esperienze drammatiche, come quelle che narra nei suoi libri. E il modo in cui le racconta, la nitidezza dei dettagli, è davvero straordinaria.

Super consigliato a tutti.

Buona lettura a tutte/i voi!

Uomini che restano

Uomini che restano – Sara Rattaro

Due donne all’apparenza molto diverse ma con un qualcosa in comune: entrambe sono state lasciate da sole ad affrontare la vita. Fosca è stata abbandonata dal marito dopo anni e anni di matrimonio perché suo marito non ha mai avuto il coraggio di ammettere la sua omosessualità. Valeria invece è stata lasciata da sola a far fronte ad un tumore al seno. La vita non è stata troppo giusta con loro. Queste due donne non avevano fatto altro che dare la loro vita per un’altra persona e indietro era stata donata loro solo sofferenza. Quindi adesso cosa fare? Valeria e Fosca incroceranno le loro vite sopra il tetto di casa a Genova, diventeranno amiche e l’una il supporto dell’altra, mentre entrambe cercheranno di farsi forza e rimettere in piedi le loro vite ripartendo da zero. Valeria al suo fianco troverà un altro uomo pronto a farle provare l’amore vero e puro che tanto le è mancato e Fosca imparerà a capire che forse la persona che aveva al suo fianco e che tanto l’aveva fatta soffrire forse sta soffrendo più di quanto lei credesse e troverà un altro modo per affrontare la propria vita.

Estratto:

“Sono rimasta lì seduta da sola. Stavo meglio e forse proprio per questo ho deciso di fare una cosa. Una di quelle cose stupide ma inevitabili. Mi sono collegata ad internet, ho aperto Facebook e sono andata in cerca di quello che, fino a pochi giorni prima, era l’uomo con cui pensavo di condividere il resto della mia vita. Ho spulciato le sue amicizie una a una. Centottantatré amici di cui sessantotto in comune. Lei doveva essere una dei centoquindici rimasti, ma non ricordavo il suo nome. Così sono andata in camera a prendere l’atto della casa. Sabrina. L’ho trovata. La foto era attuale. Ho fatto scorrere la sua pagina. Non c’era niente di particolare. Solo immagini che la ritraevano da sola. Lei in riva al mare con i capelli al vento, lei al bancone di un bar con un bicchiere in mano, lei all’uscita di un albergo di lusso. Chissà quante di quelle foto erano scattate da lui? Forse tutte. Poi, l’ho visto.”

Commento:

Sarò sincera, come sempre, è purtroppo questo libro non mi ha entusiasmato troppo. Forse non sono riuscita ad immedesimarmi in nessuna delle due figure femminile per apprezzare bene le due storie. Forse, e dico fortunatamente, la sofferenza in ambito di cuore, in questo momento non mi appartiene e mi viene difficile capire i sentimenti delle due protagoniste, ma la storia mi è sembrata un po’ fiacca. Non sono riuscita a trovare un punto che mi facesse prendere a tal punto da non staccare più gli occhi dalle pagine. Peccato!

La scrittura però, devo ammettere, che è molto scorrevole, semplice e le descrizioni sono perfette, tanto da riuscire sempre a capire dove ci troviamo e a poterlo immaginare alla perfezione. Secondo me l’autrice ha un ottimo talento nella scrittura e forse l’unica “pecca” è stata proprio la mancanza di fantasia in alcuni punti.

Nonostante tutto consigliato come lettura molto leggera.

Buona lettura a tutte/i voi!

La strada in fondo al mare

La strada in fondo al mare – Leah Fleming

 

Noi tutti conosciamo ormai la storia del Titanic grazie a Rose e Jack, ma quante altre vite sono state spezzate in quella terribile notte? May Smith insieme la marito Joe e alla figlia Ellen si imbarcano per inseguire il sogno americano e trovare una nuova vita sull'altra sponda del mondo.

Celeste Parkes sta tornando a casa dopo una visita alla sua famiglia; ma quella notte segnò per sempre le loro vite in maniera irrevocabile. May quella notte perse suo marito e per un puro miracolo la sua bimba fu salvata dalle acque e restituita a lei, Ellen si salvò su una delle scialuppe ma quella tragedia le diede un coraggio che mai avrebbe pensato di avere in sé. Ma qualcosa non andò bene. Ellen era diversa, sembrava più piccola della sua bimba e soprattutto qualche dettaglio del suo viso sembrava non coincidere. Lei non era sua figlia. Sua figlia era morta, ma il destino le aveva messo tra le mani quella bimba che non aveva più una famiglia e lei se ne sarebbe presa cura. Ellen invece prese tutto il suo coraggio e se ne andò di casa: da quella casa che la vedeva sottomessa e picchiata da suo marito. Correndo via salvò se stessa e suo figlio. Ma le due donne continuarono a rimanere legate oltre quella tragedia.

 

Estratto:

“Molto prima che facesse buio, le persone iniziarono a raccogliersi a migliaia presso il molo 54, aspettando che si consumasse la tragedia: gli spettatori volevano un posto in prima fila. La polizia aveva messo delle barriere. Solo chi aveva dei parenti a bordo ricevette dei foglietti con il permesso di aspettare più vicino. Con in mano il suo bigliettino giallo, tremante sotto la pioggia, Angelo fu condotto con gli altri verso i moli d’attracco del porto. Le strade, che già scoppiavano di gente, curiosa e ansiosa di assistere al rientro della nave, si riempirono ancora di più. Ricchi e poveri se ne stavano spalla a spalla, tutti ugualmente bramosi di vedere la nave con i superstiti, mentre ambulanze, limousine e taxi parcheggiavano vicino ai carri funebri. La vista dei veicoli neri fece rabbrividire Angelo fin nelle ossa. Insieme a infermiere e dottori c’erano le Suore della Carità vestite di nero e i preti della vecchia cattedrale – Old St Patrick – che Angelo ben conosceva, con gesti di sostegno e conforto per tutti.”

 

Commento:

E' stato un libro particolare da leggere e molto intenso. La vastità delle situazioni che vengono descritte è immensa, ma cercano in breve di racchiudere quello che può succedere nell'arco di una vita. Siamo sempre stati abituati a identificare nel Titanic quella storia d'amore che ci perseguita da anni, senza pensare che quella notte tante e troppe vite sono state spezzate e che ci sarebbero centinaia di libri da scrivere sulle storie che hanno circondato i passeggeri di quel transatlantico.

Ma Leah ci fa immergere nelle vite intense di due donne molto diverse che quella notte ha unito e reso speciali. Nel bene e nel male, le due donne portano avanti il loro grande potere: quello di poter crescere una famiglia solo con la propria forza e di andare avanti oltre a tutto ciò che sembra ostacolarle. Come reagireste voi se durante un naufragio vi mettessero tra le braccia una bimba orfana che non è la vostra? O se vivere un'esperienza del genere vi facesse capire che siete una donna forte che potrebbe avere di più di un matrimonio di comodo con una persona che passa le sue giornate a picchiarvi?

Non è semplice da pensare quando non ci si trova in quella situazione e le parole di Leah sono state scritte per provare a spiegare che dietro ad un semplice gesto o pensiero c'è molto di più.

Consigliato a tutte le donne e soprattutto alle mamme!

Buona lettura a tutte le forze della natura: LE DONNE!