Lettura di Gruppo – La chimera di Praga cap. 49-54

Madrigal non aveva mai pensato a quale potesse essere il suo futuro, a cosa avrebbe fatto e dove avrebbe vissuto. La sua vita le era sempre piaciuta così. Fare l’apprendista da Sulphurus la divertiva e la emozionava: vedere quali potevano essere i risvolti della magia che la coinvolgeva tanto davolerne sapere sempre di più. Ma stava arrivando un momento speciale nella città delle chimere.

La festa di compleanno del Signore della Guerra, che ogni anno veniva festeggiato con una festa in maschera a cui era invitata tutta la città. Ma a lei più che la città la preoccupava Thiago.

Ormai tutti sapevano che aveva scelto lei come sua compagna di vita, perchè stupenda ed ancora pura. Ma lei cosa avrebbe voluto davvero? Di certo ancora non lo sapeva, ma di sicuro andare al ballo ed accettare di ballare con lui sarebbe stato un chiaro segnale che anche lei aveva scelto lui e poi di certo Thiago otteneva sempre quello che voleva e lei non poteva essere da meno.

Ma ancora qualcosa nella testa la turbava:quell’angelo che lei aveva salvato era riuscito a sopravvivere? E dove si trovava ora?

Forse molto più vicino di quello che lei avrebbe pensato. E quella magnifica festa in maschera glielo confermò e le confermò inoltre la scelta che lei avrebbe dovuto prendere per se stessa.

Estratto:

“Era il segreto più profondo della resistenza delle chimere, la cosa che angustiava gli angeli, li teneva svegli di notte, risuonava incessante nelle loro menti e artigliava le loro anime. Era la risposta al mistero degli eserciti delle bestie che, come incubi, continuavano a tornare, senza mai iminuire, non importa quanti ne riuscissero a massacrare i serafini. Quando Chiro era stata colpita dalla freccia a Kalamet, un anno prima, Madrigal si trovava al suo fianco. L’aveva sostenuta mentre moriva, con il sangue che schiumava tra i suoi canini aguzzi e lei scalciava e sussultava e, alla fine, rimaneva immobile.”

 

Commento:

Mamma mia che dire di questo libro: le emozioni sono molteplici e contrastanti e cambiano di capitolo in capitolo. Sono però contenta del destino che ha scelto per me questi splendidi capitoli. Dove lei riesce a capire cosa volere davvero della sua vita.

A tutti è successo almeno una volta, che qualcuno invece che darci un semplice consiglio, voglia proprio imporci la sua opinione e voglia imprimere su di noi la loro volontà. E’ esattamente quello che succede qui a Madrigal: tutti vogliono che lei faccia quello che sarebbe scontato. Scegliere Thiago come compagno di vita, perchè non può che essere un onore per lei. Madrigal invece proprio non ci pensa. La sua vita le piace così com’è.

O forse le piacerebbe passarla insieme a qualcuno, si, ma non a Thiago. Vabbe lo sappiamo tutti con chi vorrebbe essere no?

Ma invece quanto non sopportiamo Chiro??? Mamma mia!!!! Già dalle prime pagine ho capito che sarebbe stata una spina nel fianco e forse anche nel piede nella mano e in ogni punto fastidioso.

Ragazze cercate di capirmi, non posso andare troppo avanti perchè ho paura di spoilerare qualcosa!!!!

Readers ci aggiorniamo alla recensione finale del libro: per ora vi lascio l’elenco delle tappe precedenti e delle prossime!!!

Buone letture spoilerose!!!

 

16 Commenti su La chimera di Praga – cap. 49-54

  1. come scritto in altri blog Madrigal non mi ha convinta come personaggio, la trovo troppo diversa da Karou che preferisco sicuramente a lei. su Chiro hai espresso esattamente anche il mio di pensiero. ti dirò mi ha ricordato molto il fratello acquisito di Arnau de La Cattedrale del mare.

    • Io interpreto il suocomportamento come se fosse troppo buona e le dispiacesse dover far soffrire le persone intorno a lei. Per questo decide di accettare tutto ciò che le capita e dice di si a tutto ciò che le viene detto di fare.

  2. Il personaggio di Madrigal mi piace molto, sebbene per ragioni diverse da quanto mi piaccia Karou, quello che mi lascia perplessa comunque è questo amore fulminante tra lei e Akiva, si vedono una volta sola -tra l’altro in una situazione decisamente particolare – e zac sono disposti a rischiare la propria vita pur di stare insieme! boh queste cose mi lasciano sempre un po’ perplessa

    • Ahahahah questo è vero! Sarà forse la classica nominata sindorme da crocerossina?! 😛

    • Si Chiara, e grazie mille. E’ grazie a te che ho conosciuto questo libro! 🙂

  3. E come dicevo altrove: fatica fatica fatica. Il flashback non mi dispiacciono, ma sembra ci siano due libri diversi nello stesso romanzo. E va beh, ci sta, nel secondo libro ci sarà l’unione immagino. Ma ci sono troppi cliché, troppe cose che mi fanno Romeo e Giulietta, troppi aspetti che mi hanno fatto sbadigliare. E poi lo zucchero e il vestito scosciato… proprio necessari?

    • Un “Romeo e Giulietta” in stile fantasy!!! Penso che l’autrice si sia divertita molto ad aggiungere questi dettagli particolari!!! Ahahahah

  4. Sono contenta di questa lettura, i flash back ci costringono a fare due passaggi in più, ma sono bene inseriti.
    A me Madrigal piace un sacco e, nonostante tutto, questo insta-love non mi disturba. Sarà che ho bisogno di leggerezza ultimamente!
    Chiro… Sì, non è il massimo :-/ Fa subodorare tanta invidia e le conseguenze che a volte comporta.
    Finisco di leggere!

    • Si, pensandoci, ognuna di noi penso abbia, o abbia conosciuto, una Chiro nella propria vita. Chissà…

  5. Thiago non mi piace, ma almeno sto iniziando a capire cosa lega Madrigal a Sulphurus e quindi a Karou

    • Sulphurus sta entrando a far parte della schiera dei buoni e dei dolci! 🙂

    • Ahahahah mi sa che abbia pareri proprio opposti!!! E’ giusto così; il mondo è stupendo perchè è vario!

  6. Questi sono i capitoli che mi stanno piacendo meno, forse per via di un flashback che trovo un po’ invadente e per via della caratterizzazione di Madrigal che trovo non particolarmente carismatica. Spero che la Taylor non soprassieda ancora troppo e ci riporti al presente concretizzando al meglio non solo la relazione tra Akiva e Karou, ma soprattutto dandoci un’immagine completa e unitaria della protagonista femminile di cui ha riunito le identità. In questo momento trovo che la finsestra sul passato stia un po’ frammentando la narrazione e anche la figura di Karou-Madrigal

    • Devo dirti che invece a me i flash back non mi sono dispiaciuti, sono stati una secchiata d’acqua ad un sogno molto confuso. Ma ovviamente sono gusti 🙂 spero che almeno la fine ci piaccia!! 🙂

I Commenti sono chiusi.