Un caso speciale per la ghostwriter – Alice Basso

Per Vani le parole sono importanti e questa volta c’è un caso speciale per la ghostwriter da risolvere. Nel modo in cui una persona le sceglie o le usa, Vani sa leggere abitudini, indole, manie. E sa imitarlo. Infatti Vani è una ghostwriter: riempie le pagine bianche di scrittori di ogni genere con storie, articoli, saggi che sembrino scaturiti dalla loro penna. Una capacità innata che le ha permesso di affermarsi nel mondo dell’editoria, non senza un debito di gratitudine nei confronti dell’uomo che, per primo, ha intuito la sua bravura: Enrico Fuschi, il suo capo.

Non sempre i rapporti tra i due sono stati idilliaci, ma ora Vani, anche se non vorrebbe ammetterlo, è preoccupata per lui. Da quando si è lasciato sfuggire un progetto importantissimo non si è più fatto vivo: non risponde al telefono, non si presenta agli appuntamenti, nessuno sa dove sia. Enrico è sparito. Vani sa che può chiedere l’aiuto di una sola persona: il commissario Berganza.

Dopo tante indagini condotte fianco a fianco, Vani deve ammettere di sentirsi sempre più legata all’uomo che l’ha scelta come collaboratrice della polizia per il suo intuito infallibile. Insieme si mettono sulle tracce di Enrico. Tracce che li porteranno fino a Londra, tra le pagine senza tempo di Lewis Carroll e Arthur Conan Doyle. Passo dopo passo, i due scoprono che Enrico nasconde segreti che mai avrebbero immaginato e, soprattutto, che ha bisogno del loro aiuto. E non solo lui. Vani ha di fronte a sé un ultimo caso da risolvere e fra le mani, dalle unghie rigorosamente smaltate di viola, le vite di tutte le persone cui ha imparato a volere bene.

Come già detto, fra le altre cose oggi è giovedì. Il che di per sé non costituirebbe una gran notizia, essendoci ben cinquantadue giovedì in un anno. Se non fosse che il giovedì pomeriggio è una delle due parentesi settimanali durante le quali, da quattro mesi circa, alla mia testa è consentito distrarsi. Ascoltare voci diverse dal mio chiacchiericcio interiore, manifestare attenzione verso problemi squisitamente mondani. Il giovedì pomeriggio, come il lunedì pomeriggio, vado infatti a trovare Irma, la mia amica ottantaduenne.

Commento di “Un caso speciale per la ghostwriter”:

Ed eccoci qui alla fine di questa serie. Con un misto di tristezza e malinconia anche io oggi saluto l’ultimo capitolo di questa serie che ormai seguo da cinque anni, forse qualcosa in meno perché l’ho conosciuto più tardi rispetto alle sue uscite. Complice una rubrica e il blog di Chiara, dalla quale avrei dovuto scegliere, mi sono fatta convincere a chiudere la serie. Forse una delle prime che concludo, anche perché mi mette sempre un po’ di tristezza. Con “Un caso speciale per la nostra ghostwriter”, da oggi dovrò salutare la mia “dolce” Vani, e il mio amato Romeo, da tutti conosciuto come Berganza.

Ma sarò davvero pronta a salutarli?

Vani è la solita ragazza cinica e in lei mi sono sempre riconosciuta. Come lei non sopporto le persone (o almeno buona parte) e una vita in solitaria su un’isola deserta mi affascina molto. Ma di qualcosa si deve pur vivere. Ovviamente in comune abbiamo anche la stessa passione per i libri e per la lettura. Magari però sapessi scrivere come lei :). Berganza è quel genere di uomo che tutte cerchiamo (o almeno buona parte, quella che mi piace solitamente). Istruito, con un forte intuito, che sa affascinarti ma soprattutto che ti accetta per quella che sei, anche se cinica e terribilmente sincera con il mondo esterno.

Sono seduta accanto al commissario, nella sua macchina, mentre lui guida lungo corso Francia, quando il mio cellulare emette due suoni quasi contemporaneamente. Come fanno gli smartphone quando ricevono insieme un’e-mail e un messaggio: un avviso sonoro si fonde nell’altro e quello che ne risulta è una cacofonia delle peggiori, come se un gatto avesse camminato su un sintetizzatore.

In questo ultimo capitolo, stranamente, non si vede nessun libro particolare affidato a Vani, ma in realtà si trova a dover risolvere un caso reale. Il suo capo Fuschi è scomparso dopo aver “abbandonato” il suo lavoro in tronco solo per difenderla. Questo ha sconvolto molto Vani che era convinta che al suo capo fregasse di lei quanto a lei di salvare il mondo intero dall’ignoranza. Per questo si lancia alla sua disperata ricerca, speranzosa in cuor suo che Enrico non abbia commesso un terribile gesto. La sua ricerca si trasforma in qualcosa di più difficile di quanto vani avesse immaginato, e le sue intuizioni vengono meno fino a che l’ultima idea sembra funzionare alla grande. Ora non resta che rendere ad Enrico pan per focaccia.

E’ stato davvero strano leggere questo ultimo capitolo (soprattutto sapendolo tale) forse ci si aspetta un’uscita con fuochi d’artificio dal primo capitolo in poi con colpi di scena a iosa. Invece il tutto inizia molto mestamente con la ricerca di Enrico come argomento principale e tutti i colpi di scena sembrano passare in secondo piano, ma alla fine eccoli. Arrivano i fuochi d’artificio ed esplodono tutti insieme nell’ultimo capitolo.

Una vera e propria sorpresa. Ed è stato davvero bello poter finire così in bellezza con un finale aperto ad ogni immaginazione.

Siete ancora qui? 😉 Direi che vi tocca finire o, se non l’avete ancora fatto, iniziare del tutto la serie.

Buona letture misteriose a voi!!!

Vuoi leggere i primi quattro libri della serie? Eccoli: L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome, Scrivere è un mestiere pericoloso, Non ditelo allo scrittore e La scrittrice del mistero.

18 Commenti su Un caso speciale per la ghostwriter

  1. ah questa serie mi mancherà enormemente, ma sono felice che la basso abbia voluto chiuderla senza trascinarla oltre. mi aspetto grandi cose da questa autrice, tipo un nuovo personaggio da amare tanto quanto Vani

  2. Vani mi mancherà, senza dubbio! Ma la certezza è che la Basso avrà in serbo per noi grandi progetti 🥰

  3. Conosco la serie perché Dolci l’ha recensita sul blog ed è molto bella, ma come purtroppo mi ritrovo a ripetere non ho voglia di cominciare una nuova lettura… Bella recensione

    • Grazie mille 🙂 Comunque ti capisco, iniziare una nuova serie è sempre impegnativo a livello di tempo 🙂

  4. Purtroppo io non sono riuscita a instaurare empatia con Vani Sarca, ho letto solo il primo volume e poi ho preferito lasciare.

    • Il bello dei libri è proprio questo 🙂 non c’è mai un giudizio oggettivo al riguardo 🙂

  5. Bellissima seria e Vani è indimenticabile. Sono curiosa di scoprire le prossime storie della Basso

  6. Non ho mai letto nulla della Basso, sono una delle poche lo so, ma ne parlate tutte talmente bene che, prima o poi, mi toccherà recuperarla!!!

    • Ahahah ormai ci siamo innamorate e non possiamo non parlarne bene. Vedrai che troverai il momento giusto per leggere i suoi libri 🙂

I Commenti sono chiusi.