no-book-cover-available
Author:
Genre:
Publisher:

ISBN: 978-8876258855

Sogni di mostri e divinità - Laini Taylor

Siamo arrivati al dunque: chimere ed angeli devono incontrarsi per unire le forze contro un male superiore. Ma come si potrà fare? Le chimere avranno sempre un'arma da utilizzare contro gli angeli, i loro palmi hanno tutti gli occhi della resurrezione che possono nuocere gli angeli. Ma Akiva ha la magia dalla sua parte e usare il suo potere per eliminare gli effetti degli occhi sui palmi rende gli angeli più inclini al patto di allenza.

Akiva e Karou si guardano, si osservano e si limitano a parlarsi con gli occhi, c'è ancora speranza tra di loro e per loro ma gli eventi sembrano voler sempre ostacolare la loro unione; un abbraccio o un bacio diventano un semplice tocco ed un sguardo più ravvicinato, ma nulla di più.

Ziri nel frattempo risulta convincente nei panni del Lupo Bianco, ma il suo essere riesce a far capolino e a far brezza su un certo cuore di ferro. Ma qualcosa, ovviamente, ostacolerà il loro conoscersi e il loro cercarsi. Sarà un fatto definitivo?

Karou ha un'idea geniale per far si che Jael torni nel loro mondo senza portarsi dietro le armi umane che farebbero sfociare quella guerra in qualcosa di peggio. L'idea viene accettata e programmata. Quel giorno lei e Liraz andranno sulla Terra e riportanno qui, in questo mondo, Jael. Tutto funzionerà e finalmente potranno tornare alla pace. Ma ovviamente qualcosa non va come dovrebbe e al portale vengono colti impreparati dagli angeli di Jael. Karou, Akiva, Liraz, Zuzanna e Mik fuggono per raggiungere il portale. Qui, Akiva e Karou dovranno separarsi, oppure no?!

Liraz spinge fuori Akiva e sigillia il portale per sempre. Akiva e Karou affronteranno insieme questa missione.

Nuovi e vecchi personaggi faranno capolino nelle pagine di quest'ultimo capitolo: personaggi che ameremo e altri che odieremo. La differenza però sarà che in questo finale qualcosa di straordinario e inaspettato succederà e ci travolgerà come una piena!

Compra qui!

Estratto:

"Ti perdono. Ti amo. Ti voglio, al termine di tutto questo. Il sogno, la pace e te. Ecco quello che Karou desiderava dire e anche sentire. Non voleva venire a sapere che Akiva aveva abbandonato la speranza di lei e che, qualsiasi fosse in quel momento la sua motivazione, non era la più la pienezza del loro sogno, che non era stato semplicemente la pace, ma loro due insieme, in pace."

"La parola che pronunciò Akiva era Haxaya, e Jael poteva anche non avere idea di cosa significasse, nè che fosse un nome, ma il risultato fu abbastanza evidente. Un secondo. L'aria dietro di lui era vuota, poi non lo era più, e la forma che la riempì - un lampo in pelliccia e denti - era già in movimento. La vide, e lei lo colpì. Due metà dello stesso istante. Jael venne trascinato bruscamante all'indietro. Due secondi."

Recensione:

Ragazze ma come si fanno a riassumere 570 pagine di avvenimenti intensi ed importanti al fine di capire la storia? Ovviamente nel mio riassunto mancano molte parti, lo so, ma tanto questo è un libro che bisogna leggere per capirlo davvero. Mi spiace ragazze ma vi avverto in questa recensione ci saranno degli SPOILER!

Innanzitutto finalmente Karou si è svegliata: ha capito che non gliene deve fregare nulla di quello che la sua squadra potrebbe pensare del suo sentimento verso Akiva, soprattuto adesso che il male peggiore, Thiago, è morto. Ora potrebbe essere libera di vivere i suoi sentimenti, ma la sua mente la blocca riportandola alla realtà: prima di tutto la salvezza del suo popolo e di quello degli angeli. Fino a quando non lo vede e non lo tocca. Questo si piò ben capire: bastano un paio di pettorali ben formati e qualche addominale a risvegliare tutto il corpo di Karou e a prendere il sopravvento sulla testa. Benedetta invisibilità!

Vogliamo poi parlare di Liraz, cuore di ghiaccio, e Ziri, piccolo Kirin? Una coppia male assortita ma che ci ha fatto battere il cuore: lui si merita tutta la felicità che può ottenere dalla vita a causa delle sue esperienza e del grande compito che sta assolvendo nel modo migliore. Lei, sempre molto fredda, avrebbe finalmente bisogno di qualcuno che la facesse sciogliere e farle provare vere emozioni.

Possiamo anche nominare Zuzana e Mik: belli come il sole insieme, sempre pronti ad aiutare il prossimo. Sono proprio una bella squadra insieme ed è proprio insieme che riusciranno ad aiutare la loro amica e il suo strano mondo alla salvezza.

E la nonna? No ragazze non voglio spendere nemmeno mezza parole sul suo conto. Lei si è ben descritta da sola nel libro!

Alla fine di tutto questo capitolo è stato davvero mozzafiato! Intenso e pieno di sorprese. Unica nota dolente? Il finale. L'ho trovato davvero moooooolto lungo, diciamo che si è fatto attendere anche troppo per poi finire con troppa semplicità. Forse l'autrice voleva lasciarci ancora senza fiato? Chissà! E nel frattempo...

Buone letture a tutte le mie care readers!

12 Commenti su Sogni di mostri e divinità

  1. mariella non sei sola!!! ahahahah
    anche io sono tra quelle che non hanno apprezzato la trilogia, in particolare trovo che troppe cose vengano lasciate in sospeso, un epilogo che non mi ha soddisfatta e mille interrogativi a cui non troverò mai risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.