Crea sito

Il karma del drago

Il karma del drago – Lorenzo Visconti

L’anno nuovo è iniziato male per il Drago, che assiste impotente a una tragedia che segnerà Lara Serrano, la sua ex collega in polizia, ma non lui. L’investigatore molto sui generis ha infatti perso da tempo la fiducia nell’umanità e raramente si lascia commuovere.

Alcuni comportamenti però non li sopporta da sempre: la violenza contro gli animali e la spregiudicatezza di certi ricchi boriosi. Così, quando lui e il suo socio Jamel vengono coinvolti nei casi di un pet-influencer rapito e di un broker milanese con qualche conto in sospeso, decide di accettarli entrambi. Il primo per convinzione, il secondo per i soldi.

Ma non ha messo in conto i sentimenti. E il karma. Perché prima o poi quello che fai, buono o cattivo che sia, ti torna indietro.

Recensione di “Il karma del drago”:

Eccoci arrivati al giro di boa di questa fantastica e divertente serie. Devo ammettere che senza il gruppo di lettura L’assassino è il maggiordomo, forse non mi sarei mai approcciata a questo genere di thriller, ma invece mi devo ricredere. Il drago è diventato il mio vegetariano spacca-faccia preferito, soprattutto quando la faccia che spacca è quella di uno che maltratta gli animali.

In questo episodio abbiamo la ricerca di un gatto influencer rapito e il ritrovamento di un locale degli orrori, dove il rispetto per l’essere vivente è stato abbandonato alla nascita per far posto alla vendetta e ai soldi facili e illegali. In questo caso avrei voluto anche io far parte della punizione inflitta a quei barbari. In più un secondo caso impegna il Drago e Jamel, quello di un broker finanziario che viene derubato da uno dei suoi soci in affari.

Più che le due storie gialle, in questo libro, troviamo un coinvolgimento più ampio dei sentimenti di vari personaggi che stiamo imparando a conoscere. Vediamo una Lara preoccupata e afflitta che si lascia sopraffare dai sentimenti a tal punto da avere un inizio di depressione. Il rapporto tra il Drago e Barillà, e a tratti anche Jamel, si stringe in una vera e propria collaborazione e scambio delle parti. Vogliamo poi parlare del Drago che piange e che alla fine fa un gesto carino nei confronti di Lara?! Beh se non è una vera e propria evoluzione dei personaggi questa, ditemi voi cosa lo è :P.

Eh si, questo forse, è il mio capitolo preferito. Credo molto nel karma e trovo entusiasmante che sia stato proprio lui a nominarlo e a volerlo applicare, seppur a modo suo. Amo questo quarto libro anche perchè finalmente si riesce a vedere il cuore d’oro e altruista che Lorenzo ha sempre nascosto dietro le botte che dava ai cattivi. Lara, suo padre e tutte le persone attorno, sono diventata qui la dimostrazione del suo grande carattere dolce.

E voi? Ancora non conoscete il Drago? Allora dovete iniziare subito a leggere di lui (La legge del Drago).

Libri Consigliati: Il morso della vipera, Il richiamo del cuculo.

La guerra dei papaveri

La guerra dei papaveri – R. F. Kuang

Orfana, cresciuta in una remota provincia, la giovane Rin ha superato senza battere ciglio il difficile esame per entrare nella più selettiva accademia militare dell’Impero.

Per lei significa essere finalmente libera dalla condizione di schiavitù in cui è cresciuta.

Ma la aspetta un difficile cammino: dovrà superare le ostilità e i pregiudizi. Ci riuscirà risvegliando il potere dell’antico sciamanesimo, aiutata dai papaveri oppiacei, fino a scoprire di avere un dono potente. Deve solo imparare a usarlo per il giusto scopo.

Recensione di “La guerra dei papaveri”:

Ho deciso di intraprendere tempo fa la lettura di questo capitolo per esplorare un po’ qualche novità e cambiare il mio solito genere di lettura. Attirata anche dalla consapevolezza che avrei condiviso la lettura con due grandi amiche Rosy e Chiara.

All’inizio la lettura è stata davvero molto lenta: il tutto era incentrato su Rin e la sua difficile vita da orfana in una casa di trafficanti di oppio. Il suo sogno è di riuscire ad entrare nella più prestigiosa accademia militare dell’impero, ma per farlo bisogna avere delle ottime conoscenze e una buona famiglia (cosa che lei non possiede) o ottenere i punteggi più alti ai test d’ingresso della propria città. Dopo aver ottenuto questo successo e essere entrata a far parte dell’accademia la vita di Rin non sarà per nulla facile. La sua condizione di donna arrivata da una famiglia povera e poco influente la porta ad essere alla mercè di tutti. Ma ben presto il primo anno è superato e una nuova guerra sembra raggiungere le porte della città. Rin allora si allea con un gruppo speciale di soldati in grado come lei di risalire al potere degli dei per vincere in battaglia.

La storia raccontata è molto bella e molto avvincente e il personaggio di Rin è ben caratterizzato e be coerente. Nel totale il libro mi è piaciuto ma non mi ha fatto impazzire. Ho trovato dei piccoli dettagli non troppo coerenti. Il personaggio di Altan, per esempio, che riesce a cambiare carattere dalla scuola al capo dei Cin. Il fatto che Rin riesca per giorni, pur di passare gli esami, a non mangiare, nè bere, nè andare in bagno: meritevole da parte sua, ma non troppo credibile. Ad un certo punto parte la guerra e tutti i compagni di Rin vengono completamente dimenticati e di loro non sappiamo più nulla se non ogni tanto qualche piccolo incontro. Alcune parti riguardanti la parte del sciamanesimo risultano un po’ lunghe e ridondanti. Non sarebbe stato meglio dividere questo capitolo in due parti e dare maggior risalto sia alla parte della scuola che a quella della terra, senza tagliare parti magari importanti o renderle inutili?

Non fatevi ingannare da queste impressioni negative. Il libro non è tutto così, ma sappiamo tutti che ciò che rimane più in mente sono le piccole pecche. Il libro è anche molto avventuroso e fuori dagli schemi. La storia, poi, risulta innovativa e di grande fantasia. Non vedo l’ora di poter iniziare al leggere il secondo capitolo, condividendolo sempre con le mie amiche.

Letture consigliate: Nevernight, La sesta opera.

 

L’uomo del labirinto

L’uomo del labirinto – Donato Carrisi

Una ragazza scomparsa e ritrovata. Un uomo senza più nulla da perdere. La caccia al mostro è iniziata. Dentro la tua mente. L’ondata di caldo anomala travolge ogni cosa, costringendo tutti a invertire i ritmi di vita: soltanto durante le ore di buio è possibile lavorare, muoversi, sopravvivere. Ed è proprio nel cuore della notte che Samantha riemerge dalle tenebre che l’avevano inghiottita.

Tredicenne rapita e a lungo tenuta prigioniera, Sam ora è improvvisamente libera e, traumatizzata e ferita, è ricoverata in una stanza d’ospedale. Accanto a lei, il dottor Green, un profiler fuori dal comune. Green infatti non va a caccia di mostri nel mondo esterno, bensì nella mente delle vittime. Perché è dentro i ricordi di Sam che si celano gli indizi in grado di condurre alla cattura del suo carceriere: l’Uomo del Labirinto. Ma il dottor Green non è l’unico a inseguire il mostro.

Là fuori c’è anche Bruno Genko, un investigatore privato con un insospettabile talento. Quello di Samantha potrebbe essere l’ultimo caso di cui Bruno si occupa, perché non gli resta molto da vivere. Anzi: il suo tempo è già scaduto, e ogni giorno che passa Bruno si domanda quale sia il senso di quella sua vita regalata, o forse soltanto presa a prestito. Ma uno scopo c’è: risolvere un ultimo mistero. La scomparsa di Samantha Andretti è un suo vecchio caso, un incarico che Bruno non ha mai portato a termine…

E questa è l’occasione di rimediare. Nonostante sia trascorso tanto tempo. Perché quello che Samantha non sa è che il suo rapimento non è avvenuto pochi mesi prima, come lei crede. L’Uomo del Labirinto l’ha tenuta prigioniera per quindici lunghi anni. E ora è scomparso.

Recensione de “L’uomo del labirinto”:

La penna di Donato Carrisi è inconfondibile, e anche in questo nuovo capitolo si fa riconoscere subito per la sua scrittura fluida schietta e cruda. Ma si fa amare proprio per questa ragione: i casi gialli, di persone scomparse o uccise non possono essere edulcorati, non sarebbero realistici. L’uomo del labirinto è un personaggio che pensa di poter fare agli altri quello che è stato fatto a lui in passato, che tutto faccia parte della natura umana e della realtà delle cose.

Ho apprezzato molto la figura di Genko, l’investigatore privato, coerente con il filo della narrazione e con un carattere contrapposto nella vita privata e nel lavoro. In questo dettaglio mi ci sono ritrovata, ma all’inverso. Io in casa sono disordinata e a volte trascuro qualche faccenda per il relax, mentre a lavoro sono accurata e dettagliata. Non ho invece capito e compreso la rivalità tra polizia e investigatori provati. Dovrebbero collaborare insieme alla risoluzione di un caso, poiché l’importante è trovare il colpevole.

Il libro è stato ben raccontato e la narrazione è stata fluida e coerente, ma poi è arrivata la fine. Ecco io la fine non l’ho capita appieno. Sembra quasi che, in mancanza di un finale migliore, l’autore abbia voluto dare un colpo di scena pazzesco, risultando però non coerente e lineare con il resto della storia. Aggiungendo addirittura personaggi già conosciuti dalle sue opere che però con la storia non lega per nulla. Dato un finale flop, si voleva per caso riconnettere il lettore con la narrazione persa?!

Devo ammettere che queste ultime letture di Carrisi non mi hanno lasciato soddisfatta appieno. Preferisco di gra lunga le opere scritte tempo fa: La ragazza della nebbia o Il suggeritore. Ringrazio il gruppo di lettura L’assassino è il maggiordomo per la condivisione di questa lettura.

Libri consigliati: Uomini che odiano le donne, Scomparsa.

Urla nel silenzio

Urla nel silenzio – Angela Marsons

Cinque persone si trovano intorno a una fossa. A turno, ognuna di loro è costretta a scavare per dare sepoltura a un cadavere.

Ma si tratta di una buca piccola: il corpo non è quello di un adulto. Una vita innocente è stata sacrificata per siglare un oscuro patto di sangue. E il segreto che lega i presenti è destinato a essere sepolto sotto terra. Anni dopo, la direttrice di una scuola viene brutalmente assassinata: è solo il primo di una serie di agghiaccianti delitti che terrorizzano la regione della Black Country, in Inghilterra. Il compito di seguire e fermare questa orribile scia di sangue viene affidato alla detective Kim Stone.

Quando però nel corso delle indagini tornano alla luce anche i resti di un altro corpo sepolto molto tempo prima, Kim capisce che le radici del male vanno cercate nel passato e che per fermare il killer una volta per tutte dovrà confrontarsi con i propri demoni personali, che ha tenuto rinchiusi troppo a lungo.

 

Recensione di “Urla nel silenzio”:

Spinta dalla curiosità ho scelto subito Urla nel silenzio dal blog di Floriana. Perché vedete la mia amica Rosy ha letto tutti i libri della saga e lei li adora. Potevo io farmeli scappare?!

Devo dire che l’inizio risulta un po’ lento e si fatica a partire con la sua lettura, ma alla fine ne risulterà qualcosa di piacevole anche se secondo me mancano dei pezzi che avrebbero reso la storia e la narrazione perfetta. Partiamo dal fatto che la protagonista, Kim, è un tipo molto particolare. Con un brutto passato alle spalle che l’ha vista spostarsi di casa in casa e di famiglia in famiglia fin da piccola, fatica molto ad affezionarsi alle persone. Il suo carattere è molto freddo e distaccato: è il tipico maschiaccio. Ma è molto determinata e sul lavoro questo fa sì che lei sia la migliore nel suo campo: colei che non riposa se non ha messo dietro le sbarre l’assassino.

La storia narrata è il racconto di tre corpi di tre ragazzine trovate seppellite in un’orfanotrofio abbandonato della zona. Le tracce rimaste dopo così tanti anni sono davvero molto poche e i dettagli li si potranno trovare solo tramite un attento intuito e un’interrogatorio ai vecchi dipendenti. C’è anche da dire che molti di loro vengono pian piano uccisi. Come fare allora per trovare il colpevole?

Il colpevole si intuisce in effetti fin da subito. Nessun dettaglio ci viene dato per intuirlo ma in effetti sembra quasi scontato fin da subito (anche perché le persone in vita che ci rimangono a conoscenza della storia sono poche). Il dettaglio che avrei migliorato nell’analisi del racconto è la parte di narrazione dal punto di vista dell’assassino. Va completamente a cozzare e non centrare nulla con quello che poi si rivela essere l’assassino. E’ anche questo ultimo punto credo sia stato un po’ “buttato lì”. Senza dare troppe spiegazioni e senza approfondire meglio quelle che potevano essere le analisi psicologiche dietro ai motivi e alla testa dell’assassino.

Un buon libro ma sicuramente avrei migliorato dei punti qua e là. Chissà che magari più avanti non decida di continuare con la saga. Voi che mi consigliate?

Libri Consigliati: Il buio dentro, Il richiamo del cuculo.

Nevernight. I grandi giochi.

Nevernight. I grandi giochi. – Jay Kristoff

Mia Corvere, distruttrice di imperi, ha trovato il suo posto tra le Lame di Nostra Signora del benedetto omicidio, ma sono in tanti all’interno della Chiesa Rossa a pensare che non se lo meriti. La sua posizione è fragile, e non si sta affatto avvicinando alla vendetta cui agogna. Ma dopo uno scontro letale con un vecchio nemico, Mia inizia a sospettare quali siano i veri moventi della Chiesa Rossa.

Al termine dei grandi giochi di Godsgrave, Mia tradisce la Chiesa e si vende come schiava per avere la possibilità di mantenere la promessa che ha fatto il giorno in cui ha perso tutto.

Sulle sabbie dell’arena, Mia trova nuovi alleati, feroci rivali e domande ancora più incalzanti sulla sua affinità con le ombre.

Recensione de “Nevernight. I grandi giochi”:

Non pensavo che una serie fantasy mi avrebbe potuto prendere così tanto. Sono sempre stata un’amante dei thriller e leggere fantasy per me è stato andare un po’ fuori dagli schemi. Il primo libro della saga mi ha fatto aprire gli occhi su un nuovo mondo: quello di Nevernight, che parla di illuminotte e Aa e tre soli che sorgono in momenti diversi. Ringraziamo il Gruppo di Lettura ideato da Chiara per questo!

Se vi fa piacere trovate qui la prima recensione della saga. Imparerete a conoscere Mia e la sua tenacia nel voler a tutti i costi vendicare la sua famiglia. Scoprirete la sua voglia persistente di incontrare e trovare un modo per uccidere le persone che le hanno portato via la sua vita e tutta la sua felicità, tutto il suo mondo è stato distrutto per colpa di tre persone. E loro dovranno morire per mano sua. Dopo aver affrontato l’accademia per diventare Lama, Mia si ritrova a lavorare per conto della Chiesa, ma il momento della sua vendetta sembra non arrivare mai e proprio da Solis, arriva la comunicazione che ciò non potrà avvenire mai.

Il mondo di Mia viene catapultato in nuove realtà e in nuovi mondi che le aprono gli occhi per portarla al suo scopo primario. Voi non siete curiosi di scoprire come?

Quando leggo questo trilogia Mia mi infonde coraggio: nell’affrontare i miei problemi quotidiani che sono irrisori rispetto ai suoi. Ha subito cose orribili ma riesce ad essere caritatevole, buona e giusta. Si sforza di non provare sentimenti ma il suo cuore è troppo grande e lei proprio non riesce a resistere ad affezionarsi.

In questo capitolo il mio personaggio preferito è stato Sidonius: leale e fedele al suo comandante e ai suoi valori. Ho apprezzato tantissimo la sua comprensione e il suo senso di appartenenza, anche se questo gli è costato tutto. Il finale è davvero epico e da leggere. Meno male che tra poco inizieremo con l’ultimo capitolo, non credo di poter aspettare ancora molto.

Libri Consigliati: Illuminae. File 1. La chimera di Praga.

Vintage Trial Reading Challenge – 3° bimestre

Vintage Trial Reading Challenge – 3° bimestre

Eccoci arrivati all’inizio di un nuovo bimestre! Il tempo è passato davvero molto velocemente e quasi non mi sono accorta che era l’ora di dare al via ai nuovi giochi. Non vedo l’ora di leggere ancora le vostre recensioni.

Ringrazio Chiara e Chicca per avermi fatto partecipare e per condividere con me le tante emozioni che ci fate provare, per l’organizzazione e per le risate condivise insieme. Ed ecco che parte il terzo bimestre della nostra Vintage Trial Reading Challenge!

Siete tutti pronti?

Facciamo un piccolo riepilogo.

Lo svolgimento della sfida è spiegato in maniera dettagliata nel post di presentazione, ma ricordo che:
la challenge avrà la durata di un anno e sarà suddivisa in bimestri. I post bimestrali con obiettivi e moduli per inviare i link nuovi si alterneranno tra i vari blog;
la challenge è composta da 15 obiettivi annuali semplici, 2 bimestrali complessi e 3 titoli bonus bimestrali da indovinare. Prima di inviare la primissima recensione inoltre è necessario stilare e farci avere la lista dei 15 libri vintage;
gli obiettivi complessi e i titoli bonus del bimestre potranno essere letti anche passato il bimestre in questione, tuttavia il punteggio risulterà dimezzato;
non c’è un minimo di letture per “passare” al bimestre successivo, una volta iscritti alla challenge potete sempre partecipare fino alla fine;
a ogni lettura è possibile associare un solo obiettivo.

Punteggio:

I libri vintage valgono 8 PUNTI;
Gli obiettivi semplici valgono 3 PUNTI;
gli obiettivi complessi valgono 6 PUNTI (3 punti in caso di dimezzamento);
i titoli bonus valgono 10 PUNTI (5 punti in caso di dimezzamento);
è possibile aggiungere 1 PUNTO per ogni lettura in più inerente i soli obiettivi semplici. Cioè, se avete già spuntato uno dei 15 obiettivi ma decidete di leggere un altro libro che soddisfi sempre il medesimo requisito, potete tranquillamente farlo ma solo per un massimo di dieci volte nel corso dell’anno in totale (non è necessario alcun requisito specifico come il numero di letture/punti per poterlo fare).

È bene ricordare che:

Per sapere se un libro soddisfa o meno i criteri richiesti da un obiettivo chiedete a noi, abbiamo l’ultima parola su questo. Se siete in dubbio vi consigliamo di chiedere a noi prima di cominciare, cercheremo di rispondere sempre in pochissimo tempo.
Cosa si vince? Al primo classificato un libro cartaceo a scelta fra l’elenco che metteremo a disposizione (già letti da noi, usati e in nostro possesso) e qualche gadget fatto a mano o del valore minore di €1,00. Al secondo classificato un libro cartaceo a scelta fra l’elenco che metteremo a disposizione (già letti da noi, usati e in nostro possesso), al terzo classificato qualche gadget fatto a mano o del valore minore di €1,00.
le recensioni dovranno essere scritte solo ed esclusivamente su una piattaforma pubblica (blog, goodreads o anobii) e dovranno essere un minimo articolate. Non basterà dire “mi è piaciuto!”, “lo consiglio”.
Non sono validi fumetti, manga, libri illustrati e nemmeno audiolibri. I libri devono avere un minimo di 150 pagine (farà fede quanto riportato su Amazon nella sezione dettagli prodotto della versione cartacea).

E ora il momento che stavate aspettando, gli obiettivi!

 

Obiettivi Annuali Semplici

Leggi un libro ambientato in una città italiana
Leggi un libro ambientato in inverno
Leggi un libro appartenente al genere giallo/thriller/noir
Leggi un libro facente parte di una serie
Leggi un libro con del cibo in copertina
Leggi un libro con un gatto in copertina
Leggi un libro ambientato in un luogo immaginario
Leggi un libro di un autore/autrice italiano/a
Leggi un romanzo M/M
Leggi un libro romance
Leggi un libro recensito da una di noi amministratrici
Leggi un libro per ragazzi
Leggi un libro pubblicato nel 2020 o nel 2021
Leggi un libro che abbia nel titolo il nome di una città
Leggi un fantasy

Obiettivi 3° Bimestre Complessi

Leggi un romanzo storico

Leggi una biografia

Obiettivi 3° Bimestre Bonus

1. ANAGRAMMA

erge imbacuccavano ledo rozze

2. COVER DISTORTA

3. CRUCIVERBA

Qui sotto troverete il modulo per la compilazione e l’invio delle vostre recensioni.

 

Pubblicato in Challenge | Commenti disabilitati su Vintage Trial Reading Challenge – 3° bimestre

Phobia

Phobia – Wulf Dorn

Londra, una notte di dicembre nel quartiere di Forest Hill. L’automobile del marito nel vialetto di casa. La chiave nella toppa. I passi che risuonano in corridoio. Rumori familiari per Sarah Bridgewater. Ma l’uomo che trova in cucina non è Stephen. Eppure indossa gli abiti di Stephen, ha la sua valigia, ed è arrivato fin lì con l’auto di Stephen. Sostiene di essere Stephen, e conosce delle cose che solo il marito di Sarah può conoscere.

Per Sarah e per Harvey, il figlio di sei anni, incomincia un incubo atroce, anche perché lo sconosciuto scompare così come era apparso e nessuno crede alla sua esistenza, né la polizia è preoccupata del fatto che il marito risulti svanito nel nulla. Sarah sa che può contare solo su una persona: l’amico psichiatra Mark Behrend.

Con il misterioso sconosciuto ha così inizio un duello psicologico, in cui ogni punto vinto o perso può significare riuscire a sopravvivere o venire brutalmente uccisi.

Recensione di “Phobia”:

Credo che Wulf Dorn sia un mago nello scrivere questo genere: il thriller psicologico è il suo pane quotidiano. Devo dire che a questo ho preferito le mie prime due sue letture (Incubo, Il mio cuore cattivo). Queste due letture avevano un finale da mozzare il fiato, che proprio non ti aspettavi. Devo ringraziare il Gruppo di Lettura – L’assassino è il maggiordomo per la lettura condivisa di questa opera.

Anche questo finale lo è, ma con una connotazione diversa. Infatti finita questa lettura quasi ti viene da compatire il criminale, poiché nella sua psicologia strana e discutibile ha comunque cercato di fare del bene. Manca completamente la suspense nello scoprire chi è il colpevole, infatti la storia viene narrata anche dal suo punto di vista.

La scrittura è davvero complessa: vengono esposti tre punti di vista differenti. Quello di Sarah che vive in prima persona una situazione assurda e dalla quale non sa uscirne da sola, attanagliata da tutte le sue paure e la sua phobia. Sarah si ritrova una notte in casa uno sconosciuto che dice di essere suo marito. Sa tutto di lei e di suo figlio e della loro vita insieme, ma lei proprio non sa chi sia quella persona, non la riconosce e quando lo racconta alla polizia nessuno le crede. Come potrà proteggere suo figlio da tutto questo.

Mark è un giovane psichiatra che ha subito uno shock dovuto ad un incidente nella quale ha visto morire la sua compagna. Si porta ancora dietro degli strascichi per la quale per esempio non riesce più a praticare la sua professione. Ma quando rincontra Sarah, sua amica d’infanzia, il pensiero di volerla aiutare e, forse, di essere l’unico, fa sparire tutte le sue paure e le sua phobia.

Il terzo punto di vista è proprio quello del rapitore. Un punto di vista strano e incomprensibile. Si può pensare di fare così tanto male per fare del bene? Ovviamente viene descritta una mente malata e in questo Wulf Dorn è un mago. Tutto risulta credibile e veritiero: le sue parole, i gesti e la sua analisi. Un capolavoro nella descrizione di una mente diversa e controversa. Questo è indiscutibile.

Non è stata come le sue altre letture, ma davvero non si può dire che non sia un bel libro.

Libri consigliati: Il suggeritore, La ragazza del treno

Isola di neve

Isola di neve – Valentina D’Urbano

Un’isola che sa proteggere. Ma anche ferire. Un amore indimenticabile sepolto dal tempo. 2004. A ventotto anni, Manuel si sente già al capolinea: un errore imperdonabile ha distrutto la sua vita e ricominciare sembra impossibile. L’unico suo rifugio è Novembre, l’isola dove abitavano i suoi nonni. Sperduta nel mar Tirreno insieme alla sua gemella, Santa Brigida ― l’isoletta del vecchio carcere, abbandonato ―, Novembre sembra il posto perfetto per stare da solo. Ma i suoi piani vengono sconvolti da Edith, una giovane tedesca stravagante, giunta sull’isola per risolvere un mistero vecchio di cinquant’anni: la storia di Andreas von Berger ― violinista dal talento straordinario e ultimo detenuto del carcere di Santa Brigida ― e della donna che, secondo Edith, ha nascosto il suo inestimabile violino. L’unico indizio che Edith e Manuel hanno è il nome di quella donna: Tempesta. 1952.

A soli diciassette anni, Neve sa già cosa le riserva il futuro: una vita aspra e miserabile sull’isola di Novembre. Figlia di un padre violento e nullafacente, Neve è l’unica in grado di provvedere alla sua famiglia. Tutto cambia quando, un giorno, nel carcere di Santa Brigida viene trasferito uno straniero. La sua cella si affaccia su una piccola spiaggia bianca e isolata su cui è proibito attraccare. È proprio lì che sbarca Neve, spinta da una curiosità divorante. Andreas è il contrario di come lo ha immaginato.

È bellissimo, colto e gentile come nessun uomo dell’isola sarà mai, e conosce il mondo al di là del mare, quel mondo dove Neve non è mai stata. Separati dalle sbarre della cella, i due iniziano a conoscersi, ma fanno un patto: Neve non gli dirà mai il suo vero nome. Sarà lui a sceglierne uno per lei.

Recensione di “Isola di neve”:

Questo libro è stato scelto tra la lista di libri letti da Francesca – Punto di lettura. Poche volte mi appassiono a libri di questo genere. Io che sono un’amante nata del thriller, della suspense e che in questo periodo sto riscoprendo il genere fantasy. La narrativa di genere per me non ha alcuna attrattiva, in maniera particolare per quelle opere che sfociano nei clichè delle storie d’amore banali. Con Isola di neve, Valentina D’Urbano ha proprio catturato la mia attenzione: la scrittura è molto facile ed intuitiva, le riflessioni sembrano quasi banali, ma sono poi le stesse che facciamo quotidianamente e che in questo libro ti portano a sentirti più vicino ai personaggi descritti.

La storia si svolge su due livelli temporali diversi: quello ambientato nel passato, di neve e della sua famiglia. Una famiglia povera, conosciuta in città praticamente da tutti dove tutti sanno che il padre è un ubriacone scansafatiche che picchia ogni giorno moglie e figlie, ma per la quale nessuno è disposto a prendere le parti. Questa giovane Neve si innamorerà di un detenuto del carcere di Santa Brigida, un musicista e compositore, che la farà sognare una vita migliore insieme attraverso la sua musica e le sue parole. Quello ambientato nei giorni nostri, di Manuel ed Edith che si incontrano per caso sulla stessa isola di Novembre, dei nonni di Manuel e dove la giovane Edith vuole dare un senso alla sua passione per il musicista Andreas Von Berger, nato come lei in Germania e come lei violinista. Nessuno dei due può sapere, però, che le loro vite potrebbero essersi incontrate non per caso e finalmente avere un senso e dare un senso al mistero che circonda il violinista Andreas.

La storia è davvero coinvolgente e descritta bene nei minimi dettagli, a parte qualche passaggio intermedio, mentre la giovane coppia del presente tenta di scoprire il mistero intorno alla storia del violinista e di Neve, che risulta un po’ noiosa e tirata per le lunghe. Ho trovato davvero piacevole la lettura di questo romanzo, che mi ha portato un po’ fuori dal mio genere, ma che me lo ha fatto piacere più di quanto mi aspettassi. Fate conto che come ragazza abitudinaria, difficilmente esco fuori dai miei schemi. Ma questa volta sono contenta di averlo fatto e di essere stata accompagnata da due personaggi come Manuel ed Edith, e da Neve e Andreas.

La storia di Manuel, poi, all’inizio me lo avevano fatto compatire molto, come ragazzo che ha passato un brutto momento e che poi se ne pente. La fine poi invece mi ha fatto molto arrabbiare, soprattutto con la sua ex, vile e meschina. Il personaggio che più ho odiato è stato però quello della madre di Manuel. Lei, dopo il racconto della ex di Manuel, non ha avuto nessun dubbio sul fatto che suo figlio avesse potuto compiere un simile e brutale gesto. Dov’è finito il suo istinto materno e la sua conoscenza del figlio? Tutto ciò atto a dimostrare la situazione familiare che è stato costretto a vivere Manuel e la spiegazione al suo voler fuggire, che condivido appieno.

Non siete ancora convinti? Io non credo :P. Non vi resta che iniziare subito la sua lettura 🙂

Libri Consigliati: La festa dei limoni, la piccola farmacia letteraria.

 

Legend

Legend #2 – V.E. Schwab

Dopo la Notte Nera, una nuova minaccia incombe su Londra Grigia, Londra Bianca e Londra Rossa.

Sono passati quattro mesi da quando Kell ha trovato la pietra nera. Quattro mesi da quando ha incrociato il suo cammino con quello di Delilah, Rhy è stato ferito e i terribili gemelli Dane sono stati sconfitti. Ma, soprattutto, quattro mesi da quando la terra ha inghiottito il corpo di Holland insieme alla pietra, trascinandoli per sempre a Londra Nera.

Le vite di Rhy e Kell ora sono indissolubilmente legate: se Kell muore, muore anche Rhy. Di notte, gli incubi perseguitano Kell con le immagini vivide degli eventi magici che si sono susseguiti e con il ricordo di Lila, sparita come era sua intenzione sin dall’inizio. Intanto, mentre a Londra Rossa fervono i preparativi per i Giochi degli Elementi, una competizione magica internazionale, un’altra Londra si sta lentamente risvegliando.

Come un’ombra che, invece di dissolversi al mattino, accresce la sua oscurità, Londra Nera sta nuovamente interferendo con l’equilibrio magico. E per ripristinare l’ordine è necessario che un’altra Londra cada.

Recensione di “Legend”:

Eccoci arrivata al secondo capitolo di questa saga: il nostro “Legend”. Se volete leggere la prima recensione di questa saga la troverete qui. Il mio obiettivo di quest’anno e cercare di finire più serie possibile, e questa è stata una delle prescelta nelle milioni che ho iniziato.

Lila Bart è riuscita ad infiltrarsi su una nave di pirati, o quasi visto che operano sotto la bandiera di una potente famiglia di Londra Rossa, ma sempre di pirati si tratta. La sua avventura non può che avere inizio e così anche la sua vita tanto agognata. Kell invece, dopo aver salvato la vita di suo fratello legandola per sempre alla sua, si sente relegato in quella che dovrebbe essere casa sua. I reali non hanno più alcuna fiducia in lui e lo trattano come fosse un traditore: controllato a vista, anche per controllare la vita di loro figlio. Ma Kell ha bisogno di aria e di sfogare i suoi poteri.

Per entrambi il torneo potrà essere una fonte di respiro e di gara con loro stessi: Kell potrà avere un po’ di competizione e Lila potrà mettere alla prova i suoi poteri.

Che dire di questo secondo capitolo: bello davvero anche se un pochino lento. La lentezza è dovuta al fatto che di azione qui ce n’è ben poca, tutto il libro gira intorno alla preparazione del torneo e alla sua esecuzione. Si vede, in effetti, che questo è un capitolo di mezzo.

Adoro Lila e Kell come coppia e per i miei gusti ci hanno messo fin troppo per incontrarsi in questo capitolo per poi stare troppo poco insieme. Sicuramente la parte finale vuole essere il preludio al loro momento del terzo capitolo. Ho adorato Rhy in questo libro e ho capito anche il suo dolore e la sua frustrazione. Ad un certo punto ho dubitato della sua stabilità mentale, pensando che avesse iscritto Kell al torneo nella speranza di ucciderlo e poter morire anche lui. Si sente addosso questa vita non sua e sente che i suoi familiare gli sono addosso ma non vicini, poco dalla sua parte.

La parte di Holland in questo capitolo è piccola ma molto significante: cerca di ottenere una sua città ma si è alleato con una forza che non credo potrà controllare così bene come crede. Alla fine del primo libro sembrava aver capito il suo errore e sembrava voler essere buono, invece sembra essere rimasto il suo egoista, che pur di ottenere quello che vuole è disposto a fare ad altri quello che è stato fatto a lui dai fratelli Dane.

Sicuramente nel terzo capitolo capiremo meglio quale destino è riservato a Lila (che sia proprio lei il Legend di cui parla il titolo?) e si spera che questa strana coppia possa stare finalmente insieme, e magari anche un’altra coppia troverà la propria pace :P.

Libri Consigliati: Nevernight, La chimera di Praga.

Pubblicato in Review | Commenti disabilitati su Legend

Il morso del drago

Il morso del drago – Lorenzo Visconti

Sono due le nuove indagini che vedono coinvolto Lorenzo Visconti, detto il Drago, insieme al socio Jamel, giovane francese mago dei computer. La prima è quella che gli commissiona il suo ex avvocato, Marinetti, che due anni prima l’aveva difeso per un crimine mai commesso. Con l’ormai imprescindibile aiuto della poliziotta Lara Serrano e del maresciallo dei carabinieri Barillà, la strana coppia dovrà far luce sul caso di un uomo accusato di aver ucciso il fratello.

La seconda indagine ha invece l’obiettivo di smantellare una rete che organizza combattimenti fra cani. Le sevizie e le brutalità che Drago porterà alla luce turberanno profondamente il suo spirito animalista e scateneranno la sua reazione più feroce.

Con Il morso del Drago Lorenzo Visconti torna a condurci in una Milano piena di contraddizioni, tra borghesia benestante e criminalità organizzata, palazzi nobiliari e case di ringhiera decadenti.

Recensione de “Il morso del drago”:

Il nostro Drago non ci delude mai e anche questa volta riesce a battere i criminali al loro stesso gioco (a furia di botte praticamente) e ha trovare il colpevole del secondo caso.

In questo episodio Drago è alle prese con una banda di Milano che organizza incontri clandestini tra cani. A introdurlo in questo caso è proprio la sua veterinaria di fiducia, quella che lo ricuce ogni volta che Drago ne ha bisogno (se ve lo state chiedendo: sì, Drago si fa ricucire da una veterinaria). Salvando una piccola cagnolina alla quale sono stati limitati i denti, Drago capisce che sotto si nasconde qualcosa di più grande, e con l’aiuto di Jamel e Barillà cercheranno di capire come arrivare a stanare i pezzi grossi e ad eliminarli.

Nel frattempo il suo ex avvocato gli chiede aiuto per cercare di far luce su un caso che sta seguendo: un’imprenditore incensurato viene condannato perché ritenuto l’assassino di suo fratello, trovato morto nella tromba delle scale del suo palazzo.

Il secondo caso è risultato davvero banale, ma in questo episodio ciò che mi ha tenuto legata alle pagine è stato il racconto e l’inseguimento dell’organizzazione di incontri clandestini di cani. La crudeltà dietro alle parole usate e alla scene descritte, rende davvero credibile il racconto. E’ stato cruento, ma ci rende consapevoli di cose che alla fine accadono realmente.

I piccoli battibecchi tra Drago e Jamel sono sempre più belli e rendono la loro amicizia non convenzionale, di quelle che piacciono a me. Sto ancora immaginando Barillà con i pantaloni a zampa d’elefante e sono contenta che nel racconto sia stato introdotto anche lui (anche se è stata completamente dimenticata la ragazza che ci provava con lui nonostante sapesse che lui è gay). Finalmente Drago è riuscito a portare fuori a cena Lara senza avere uno scopo! Ce l’abbiamo fatta finalmente, o sarà stato solo un vento sporadico?

Spero davvero che nel prossimo capitolo evolvano un pochino le cose tra di loro, non mi dispiacerebbe vederli insieme indagare ad un caso. Se vi ho incuriosito qui trovate le recensione del primo capitolo e del secondo ( La legge del Drago, Le piume del Drago) e se desiderate seguire anche voi le sue avventure ci trovate nel gruppo di lettura – L’assassino è il maggiordomo, su Facebook.

Letture consigliate: L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome, Il mercante di libri maledetti.